Archivi tag: outdoor e indoor

“BAXTER OPEN AIR: La Bellezza dell’imperfetto”

Baxter Open Air

PEDRO · BEATRIZ · BOLIVAR- sono i nomi dei nuovi oggetti progettati dall’arch. Roberto Lazzeroni per Baxter in occasione del Salone Internazionale del Mobile di Milano 2011.

Fanno parte di una nuova famiglia di sedute in / out, frutto di un progetto che esplora nuove possibilità dell’abitare open air. Di forte impatto visivo, sono forme che rimandano a un organicismo di chiara ispirazione brasiliana, che si ritrova nell’ architettura di Oscar Niemeyer e nel design di Sergio Rodriguez.

Beatriz- Baxter-
Beatriz -Baxter-

La naturalità dei materiali utilizzati e delle lavorazioni celebra l’invecchiamento degli stessi come un valore aggiunto; si tratta di un approccio diverso rispetto al pilastro su cui normalmente si fonda l’outdoor, ossia la ricerca di una tecnologia che renda il prodotto inalterabile di fronte alla natura.

Bolivar- Baxter-
Bolivar- Baxter-

Sono oggetti fatti di materiali già ossidati e consumati, pensati per vivere in simbiosi con la natura, ma anche per vivere all’ interno della casa in un progetto di arredo rigoroso e autentico.

Sono adattissimi per arredare ambienti semicoperti, o serre captanti, che tanto vanno di moda, in questo periodo!…

Nuova pelle presentata: Rhino Nut.

Testi tratti dallacartella stampa della Baxter – Sito: www.baxter.it –

Pedro- Baxter-

 

“Senza fine”……….

Meritalia, anche quest’anno, al Salone del Mobile di Milano, ha stupito i visitatori, accompagnandoli in un mondo fantastico, con dei “pezzi” firmati anche da Gaetano Pesce, come, per esempio questo che vi propongo oggi.

Senza fine” fa parte di una serie sperimentale di sedute originata dall’estrusione in continuo di un cordolo di silicone che in modo aleatorio si dispone su di uno stampo fino a che la persona che lo realizza considera soddisfacente la forma raggiunta. Questo processo, come è ovvio, da origine a dei pezzi unici che, per i modi della loro esecuzione, sono irripetibili.

A ragione della resistenza del silicone agli agenti atmosferici, gli esemplari della serie “Senza Fine” possono stare sia negli spazi interni che esterni .”

Inoltre vi segnalo che a Spoleto, in occasione del Festival dei Due Mondi, che si terrà dal 18 giugno al 4 luglio, Meritalia partecipa con Via Lattea all’allestimento dello spettacolo Soiree Sotis: il prodotto luminoso di Mario Bellini sarà parte integrante della scenografia.

Vi allego, come sempre, il link del loro sito web: www.meritalia.it

Wavy: sinuoso

Sempre con la volontà di sperimentare capacità e performance dei materiali oltre ogni limite, Ron Arad, per Moroso, propone Wavy, una seduta il cui nome, appunto, significa ondulato, sinuoso, ondoso.

Wavy è caratterizzata da un basamento in tubo di acciaio inox con monoscocca in ABS termoformata, è sovrapponibile e per le sue qualità è adatta anche per l’esterno.

La seduta è disponibile in differenti colori: bianco, blu, verde, corallo, e trasparente e con il suo andamento così sinuoso ricorda quello delle conchiglie che si trovano sulla spiaggia, anche se a me ricordano anche, le foglie accartocciate. In fondo, il design, per Ron Arad è “imporre la propria volontà su un materiale per realizzare una funzione e fare qualcosa che prima non esisteva”!

Tropicalia

 

 

Cocoon Tropicalia Moroso

Vi volevo segnalare questi bellissimi arredi per esterni  che con i loro colori, le sfumature dal fucsia al viola scuro……..

……ricordano il sole che tramonta sul Tropico del Capricorno!…………

Tropicalia Day Bed Moroso

Non solo….. ricordano anche i vestiti, i copricapi delle culture dei popoli a ridosso dei Tropici. Patricia Urquiola, nota designer, disegna Tropicalia per Moroso, il cui progetto comprende chair, poltrona chaise longue, daybed, cocoon….

 

Chaise lounge-Tropicalia-Patricia Urquiola - per Moroso

Il progetto prevede una struttura in tubolare di acciaio dalle forme geometriche impreziosite da un abile lavoro di intreccio di fili che alterna pieni e vuoti secondo un disegno ben preciso.

 

Sedie-Tropicalia-Patricia Urquiola- per Moroso

Ogni oggetto della collezione assume una personalità diversa a seconda del materiale e dei colori. Può essere allegro e giocoso se si usano fili in polimero termoplastico in vari colori, raffinato e prezioso se si usa il cuoio.

Questa qualità nella cura del dettaglio, queste soluzioni differenti destinate ai diversi modi di abitare gli spazi del vivere quotidiano, sono le due cose che contraddistinguono la produzione di Moroso.

 

Cocoon Tropicalia Moroso

Vi allego il link del sito web: www.moroso.it/ e ringrazio per le foto concessemi.

“Sweet”

Sweet- Paola Navone - Gervasoni

Aspettando l’estate, ormai vicina, continuo le mie “pillole” sugli arredi da esterni, anche se questi, di oggi, sono più che altro interni-esterni, magari, sotto un bel porticato.

Al Salone del Mobile 2010 è stata presentata una serie di proposte poetiche e ricche di immaginazione con un nome suggestivo: Sweet. Collezione presentata da Paola Navone, designer di grido che lavora da anni per Gervasoni.

Sweet- Paola Navone - Gervasoni

Questi arredi mi sono piaciuti molto per la loro freschezza e per la loro tavolozza colori: azzurro, grigio e bianco. I materiali sono quelli tradizionali come il bambù, il legno, il rattan, il marmo però, reinterpretati ed uniti ad altri materiali moderni come il cemento e la gomma!

Sweet- Paola Navone - Gervasoni

Spero vi possano essere utili, per esempio, per soluzioni  per una casa al mare; io li trovo molto giovanili e confortevoli! Lo specchio nero a forma di rosa è veramente simpatico….

Sweet- Paola Navone - Gervasoni

Ringrazio Anna Sindona delle Relazioni Esterne e Comunicazione, per le foto concessemi.
Il  link è: www.gervasoni1882.it

 

Dolce far niente!

..starsene così…..
dolce fare niente dolce rimandare
stare con i piedi penzoloni guardando il mondo girare
andare andare aspettare dolcemente l’ora di mangiare
guardare l’erba crescere e l’acqua evaporare
tranquillamente all’ombra di una fresca brezza farsi accarezzare
dare forma tonda a bolle di pensieri
che scoppiano nell’aria non appena si fan troppo seri
o troppo pesi starsene leggeri
trasformare le ore in mesi
come foglia lungo il fiume dentro la corrente dolcemente arresi
….

(Jovanotti)

Perchè non iniziare questa “pillola” con la canzone di Jovanotti “Dolce far niente” visto che è anche il nome dell’azienda???

Citando parole dell’azienda Dolce far niente, essa si caratterizza dalla scelta di materiali ricercati e particolari uniti ad un design sobrio ed elegante esaltato da una cura nelle colorazioni e nei tessuti per offrire un prodotto Made in Italy impareggiabile!


A me piace molto per la sua freschezza e la sua eleganza e sopratutto è indistruttibile! Il materiale con cui vengono realizzati i pezzi consiste in una resina sintetica Viro che permette di ottenere un effetto estetico naturale alla vista e al tatto con performance esclusive poiché non teme, né gli sbalzi di temperatura, né l’umido ed è resistente alla salsedine e al cloro;  pur non avendo abbandonato la lavorazione manuale che, da oltre trent’anni, caratterizza il loro prodotto.

Vi allego delle immagini Di Dolce far niente!

Il sito dell’azienda è: http://dolcefarniente.com/

Gli scatti delle foto sono stati fatti nel negozio Guazzolini a Zagarolo (Roma)