Archivi tag: Spazio Rossana Orlandi

Anotherview

Anotherview Marco Tabasso, Tatiana Uzlova e Robert Andriessen -Anotherview N2 – The Upper East Side View – Photo credits Tatiana Uzlova

Anotherview è un progetto speciale realizzato da un’equipe multietnica: un italiano, Marco Tabasso, Tatiana Uzlova e Robert Andriessen. Hanno avuto un’idea semplice e geniale: filmare per 24 ore le viste da varie finestre. 

Spazio Rossana Orlandi

Anotherview è un progetto che dà spessore particolare a questo elemento della vita quotidiana: “la vista dalla finestra” spazia dall’interior design all’arte concettuale, trasformando la casa in uno spazio nomade, dove le finestre virtuali, facilmente trasportabili, trasmettono 24 ore su 24 vedute sulle città, paesaggi o altri posti dove vorremmo essere.

Anotherview Marco Tabasso, Tatiana Uzlova e Robert Andriessen Spazio Rossana Orlandi

Può essere gestita attraverso un’App su smartphone: potrete così regolare scenario, orario e atmosfera. Tutto dal salotto di casa. In vendita presso Rossana Orlandi a Milano in via Matteo Bandello 14/16.

 

Anotherview Marco Tabasso, Tatiana Uzlova e Robert Andriessen Spazio Rossana Orlandi

https://www.anotherview.watch/

www.rossanaorlandi.com/

Ordinay Jungle – Marcantonio Raimondi Malerba

Ordinay Jungle - Marcantonio Raimondi Malerba
Ordinay Jungle – Marcantonio Raimondi Malerba


E, dunque, con corpi nascosti Natura regge le cose.

Tito Lucrezio Caro, De rerum natura


Ordinay Jungle - Marcantonio Raimondi Malerba
Ordinay Jungle – Marcantonio Raimondi Malerba

Con Lui gli Oggetti ritrovano dimensioni nuove, tra Sogno e Realtà

Ordinay Jungle - Marcantonio Raimondi Malerba Galleria Rossana Orlandi (foto mgc)
Ordinay Jungle – Marcantonio Raimondi Malerba Galleria Rossana Orlandi (foto mgc)

Marcantonio Raimondi Malerba (Massa Lombarda, 1976) parte dall’osservazione del rapporto fra umanità e natura per individuarne “complessità e contraddizioni”.

“Ordinary Jungle” è una scultura in legno dove la natura prende il suo spazio e domina il nostro ambiente usuale. La scultura è interamente realizzata a mano. La poltrona “Charlotte” è di Baxter.

Mi sembra di ritrovare la stessa poetica delle sedie col germoglio, in cui la natura si riappropria di quello che gli era stato sottratto.

Ordinay Jungle - Marcantonio Raimondi Malerba sedie con germoglio
Ordinay Jungle – Marcantonio Raimondi Malerba sedie con germoglio

In esposizione e in vendita presso lo Spazio Orlandi a Milano. (pezzo unico)

Ordinay Jungle - Marcantonio Raimondi Malerba Galleria Rossana Orlandi
Ordinay Jungle – Marcantonio Raimondi Malerba Galleria Rossana Orlandi

Un po’ il tema di quest’anno del Salone questo sentimento di rivincita della natura sull’uomo, con la convinzione che presto la terra bilancerà in autonomia il proprio equilibrio… “La ricchezza naturale della giungla come ecosistema perfetto per la purezza, la materialità e lo spirito di un design contemporaneo universale” che si ritrovano in quest’ultimo salone internazionale del mobile sia in gallerie come Dilmos che in stand come Zanotta.

(Parti di testo tratte da Dilmos)

http://www.marama.it/

http://rossanaorlandi.com/product/ordinary-jungle/

PET Lamp: Alvaro Catalan de Ocon

PET Lamp: Alvaro Catalan de Ocon
PET Lamp: Alvaro Catalan de Ocon

Il Designer Alvaro Catalan de Ocon ha creato una gamma di paralumi in vimini intrecciato con vecchie bottiglie di plastica, realizzati da artigiani in Cile, per il suo progetto di PET Lamps. Alvaro Catalan de Ocon ha riutilizzato bottiglie di plastica unendole all’artigianato tradizionale per creare una serie d’illuminazione chiamata Chimbarongo, che sotto il Salone del Mobile 2014 pendeva nel cortile dello Spazio Rossana Orlandi. Prende il nome dalla città cilena vicino a Santiago.

PET Lamp: Alvaro Catalan de Ocon
PET Lamp: Alvaro Catalan de Ocon

“Tutta la città è coinvolta nel lavoro con vimini ” ha detto il catalano de Ocon: ” Essi normalmente realizzano cose tradizionali e non molto belle ma siamo andati lì e abbiamo lavorato insieme per un mese. ” Bottiglie di plastica vengono adattate tagliando i fondi e parti in strisce sottili fino al collo. Queste strisce sono poi intrecciate con il vimini per formare i paralumi, mescolando la plastica colorata con fibre naturali per creare modelli.

PET Lamp: Alvaro Catalan de Ocon
PET Lamp: Alvaro Catalan de Ocon

“Abbiamo avuto l’ispirazione da un pezzo di bambù giapponese dalla cerimonia del tè”, ha spiegato de Ocon. I vecchi colli di bottiglia forniscono la struttura e il supporto per il materiale leggero.

PET Lamp: Alvaro Catalan de Ocon
PET Lamp: Alvaro Catalan de Ocon

Il progetto Lamp PET originariamente era iniziato con una collaborazione con dei tessitori in Colombia, che ha creato le prime collezioni di lampade che hanno forme semplici ma usano più colori e modelli.

PET Lamp: Alvaro Catalan de Ocon Spazio Rossana Orlandi Milano 2014
PET Lamp: Alvaro Catalan de Ocon Spazio Rossana Orlandi Milano 2014

La gamma Chimbarongo ha una trama larga e qualche caratteristica di due o tre livelli tessuti, utilizzando il vimini nel suo colore naturale.

PET Lamp: Alvaro Catalan de Ocon Spazio Rossana Orlandi Milano 2014
PET Lamp: Alvaro Catalan de Ocon Spazio Rossana Orlandi Milano 2014

catalandeocon.com/

SUS Gallery

Cinque texture, scenari infiniti …funzionalità ma con un senso tattile…

SUS Gallery creazioni per la tavola in titanio cristallizzato
Mirror Dazzling reflections change its expression each time one’s gaze shifts

Con sede in Giappone la Galleria SUS ha esposto una collezione di creazioni per la tavola in titanio cristallizzato allo Spazio Rossana Orlandi sotto il Salone del Mobile di Milano 2013.

SUS Gallery creazioni per la tavola in titanio cristallizzato
SUSgallry All Rights Reserved

Attraverso manipolazione tecnica nel processo di produzione, queste tazze nascono in cinque distinte texture di cristallizzazione del titanio; effetto specchio, che affascina con una varietà di riflessioni, ricordando una pallida ombra di inchiostro giapponese.

Gold Resembling laminated layers of Gold paint, Gold represents the profundity of the Japanese aesthetic
Gold Resembling laminated layers of Gold paint, Gold represents the profundity of the Japanese aesthetic

La bellezza di queste coppe è data da una tecnica di sofisticata lavorazione del titanio: due strati di titanio circondano uno spazio senz’aria.

Maison & Objet 2013
Maison & Objet 2013

Uno strato airless tra le piastre di superficie esterna ed interna funziona come eccellente isolamento termico. Così, mentre non si forma la condensa sulla superficie, il liquido all’interno è protetto e mantenuto ad una temperatura fissa.

Milano Salone 2012@Rossana Orlandi
Milano Salone 2012@Rossana Orlandi

Le lettere “SUS” nel loro nome rappresentano non solo “in acciaio inox usato”, ma anche le prime tre lettere di sustainability.

Valveat81 2012
Valveat81 2012

Queste tazze sono prodotti nella città di Tsubame nella prefettura di Niigata nel nord-ovest del Giappone, ben nota per le lavorazioni nel settore metallurgico del periodo Edo (1603 ~ 1868).

SUSgallry All Rights Reserved
SUSgallry All Rights Reserved

 

http://susgallery.jp/

SELETTI: WEARS TOILETPAPER

SELETTI: WEARS TOILETPAPER
SELETTI: WEARS TOILETPAPER Salone del Mobile Spazio Rossana Orlandi

Presentata in anteprima mondiale al Salone del Mobile di Milano una singolare collezione di piatti, tazze e tovaglie nata dalla collaborazione tra il magazine di Maurizio Cattelan e Pierpaolo Ferrari e l’azienda italiana di design Humor nero intinto in colori pastello. Dall’incontro tra Seletti, azienda italiana di design, eToiletpaper, il magazine di sole immagini di Maurizio Cattelan e Pierpaolo Ferrari, nasceun’inconsueta e singolare collezione di piatti, tazze e tovaglie che è stata presentata in anteprimamondiale in occasione del Salone del Mobile di Milano.

SELETTI: WEARS TOILETPAPER Salone del Mobile Spazio Rossana Orlandi
SELETTI: WEARS TOILETPAPER Salone del Mobile Spazio Rossana Orlandi

Una selezione di immagini tratte dalla rivista diventano il motivo decorativo della collezione di design ToiletpaperSeletti: lo sturalavandino, un cavallo rampante, le dita mozzate (già in mostra sul billboard della High Line a Manhattan) e un’interpretazione pulp del celebre “I love you” decorano tazze e bicchieri; un pesce ripieno di pietre preziose e una tavola imbandita popolata di ospiti “inattesi” giganteggiano sulle tovaglie.

SELETTI: WEARS TOILETPAPER Salone del Mobile Spazio Rossana Orlandi
SELETTI: WEARS TOILETPAPER Salone del Mobile Spazio Rossana Orlandi

Latta e cerata, i materiali della collezione ToiletpaperSeletti, sono perfettamente in linea con lo spirito pop del magazine: economico e diffuso, mai settoriale.

Toilet paper tovaglia
SELETTI: WEARS TOILETPAPER Salone del Mobile Spazio Rossana Orlandi

Dalla celebre collezione “Estetico Quotidiano” nata dieci anni fa, fino a “Hybrid”, con immagini della tradizione cinese e inglese della porcellana fuse un unico oggetto, Seletti ha continuato a sorprendere e stupire ogni volta. “Sono fan di Toiletpaper fin dal primo numero e da subito ho desiderato utilizzare quelle splendide immagini per i nostri prodotti” – afferma Stefano Seletti, titolare ed art director. “Continuavo a pensare a come portare quelle fotografie nelle case dei nostri clienti. È bastato un incontro con Maurizio e Pierpaolo perché entrassimo in sintonia e condividessimo l’idea di mettere insieme materiali democratici e familiari come la latta e la plastica ad immagini decisamente inaspettate”.

SELETTI: WEARS TOILETPAPER
SELETTI: WEARS TOILETPAPER

Fin dall’inizio ci piaceva l’idea che Toiletpaper fosse un’etichetta applicabile a una vasta gamma di oggetti: riviste, libri, piatti, tazze e tovaglie. Pierpaolo ed io siamo come degli scienziati sadici: tutto intorno a noi può essere infettato dal virus TP, effettuiamo continuamente test su diversi campioni e studiamo i risultati, per far diventare Toiletpaper uno stile non solo fotografico”, afferma Maurizio Cattelan. “Come le immagini di Toiletpaper, la collezione realizzata con Seletti ha un fascino vintage, tazze e piatti di latta sembrano usciti dalla credenza di una cucina degli anni Cinquanta, le tovaglie in cerata dai cassetti di un’osteria di borgata”.

SELETTI: WEARS TOILETPAPER
SELETTI: WEARS TOILETPAPER

Spesso ci divertiamo a prendere le foto che realizziamo e a farle diventare oggetti, vestiti, accessori”– dichiara Pierpaolo Ferrari. “Le immagini di Toiletpaper possono diventare un costume da bagno come una macchina di Formula 1. L’importante è che non si snaturi lo spirito della rivista, ironica e inquietante al tempo stesso. Oggi, grazie a Seletti, alcune immagini sono riuscite a diventare veri e propri oggetti, speriamo di successo”.

SELETTI: WEARS TOILETPAPER
SELETTI: WEARS TOILETPAPER

La collezione è stata presentata in anteprima a Milano dal 9 al 14 di aprile, in occasione del Salone del Mobile, presso lo Spazio Rossana Orlandi. Successivamente, sarà in vendita in una selezione internazionale di negozi specializzati a partire dal mese di luglio e online sul sito Yoox.com, con prezzi che vanno dai 10 ai 20 euro.

SELETTI: WEARS TOILETPAPER
SELETTI: WEARS TOILETPAPER

 

www.seletti.it/

The Migration Collection: Bokja Design

The Migration Collection Bokja Design Exit Strategy Wallpaper
The Migration Collection Bokja Design Exit Strategy Wallpaper

L’idea di confini sfuggenti traspare chiaramente nella carta da parati e tappeti Migration dove compare il motivo degli uccelli che fanno una migrazione annuale da una parte all’altra del mondo.

The Migration Collection Bokja Design Installation
The Migration Collection Bokja Design Installation

La collezione, rivelata per la prima volta durante la settimana del Design da Rossana Orlandi a Milano, Aprile 09-14, ha mostrato una serie di pezzi artigianali di mobili all’interno di un ambiente pieno di evocazione spirituale e di aspetti pratici della migrazione umana.

The Migration Collection Bokja Design Installation
The Migration Collection Bokja Design Installation

Fondata nel 2000 con sede in Beirut dai designer, Hoda Baroudi e Maria Hibri, Bokja si è creata una nicchia altamente unica nel mercato di arredamento d’interni offrendo una vasta gamma di pezzi unici rivestiti con una grande varietà di vintage e di tessuti contemporanei e ricami provenienti da tutto il mondo.

Love Boat - Front
Love Boat – Front
Second Skin
Second Skin

 

La filosofia di Bokja è quella di custodire il senso del passato stratificando nuovi oggetti con la memoria.

Chinese Express - Plates Set
Chinese Express – Plates Set

Ogni pezzo è creato nel laboratorio di Beirut di Bokja da donne libanesi e palestinesi che hanno un innato senso del carattere del tessuto e che capiscono come celebrare ogni pezzo attraverso un assemblaggio riflessivo e creativo.

 

Schengen Rug
Schengen Rug

www.bokjadesign.com