Archivi tag: rivestimenti

ABK, un rivestimento per ogni tipo di superficie!

ABK ceramiche

Un grès porcellanato eclettico e trasversale, perfetto per rivestire qualsiasi superficie, dai pavimenti alle pareti di casa, comprese le facciate esterne.


ABK ceramiche Interno9 Rust

È il grès della collezione Interno 9 di ABK, azienda specializzata nella produzione di rivestimenti ceramici, che ha concepito questa gamma come un taccuino di idee progettuali per il rivestimento di tutte le superfici, coniugando tendenza e qualità.

ABK ceramiche Interno9 Rust

L’ispirazione di Interno 9 parte dal mood industriale dei materiali oggi più apprezzati per delineare spazi e volumi contemporanei, sia interni sia esterni. Partiamo dalla sensazioni dei metalli ossidati, nei colori Rust, Mud e Dark, mentre Silver, Pearl e Dune si qualificano come neutri più ‘ibridi’ che ricordano le tonalità delle resine e del calcestruzzo.

ABK ceramiche

Le più recenti collezioni di ABK, permetteno interessanti contaminazioni tra superfici e materie differenti, anche grazie a un programma comune di calibri e spessori. Bellissimi gli effetti legno, che si riconferma la tendenza dell’anno, e le pietre… Insomma per tutti i gusti!

ABK ceramiche unika

ABK, coerentemente con la propria filosofia di prodotto, presenta un ventaglio di proposte molto ampio, che consente di personalizzare ogni intervento nel minimo dettaglio.

ABK ceramiche

Oltre alla possibilità di scegliere tra formati e sottomultipli, sono presenti due diverse finiture di superficie, la versione naturale è arricchita da interventi lucidi che rendono quasi tridimensionale la percezione delle ossidazioni, mentre la versione lappata si caratterizza per l’aspetto riflettente più uniforme.

ABK ceramiche

La libertà creativa di questa collezione è espressa pienamente nel nuovo catalogo Interno 9, dove una selezione di location eterogenee racconta come questo prodotto possa diventare anche una soluzione interessante e altamente decorativa per il pavimento e il rivestimento degli spazi commerciali e residenziali, includendo anche le facciate esterne degli edifici

ABK ceramiche

http://www.abk.it/company.htm

Superfici metalliche per rivestimenti secondo De Castelli

 

De Castelli L’invisibile, porta; e Circle Wall

“Piegare il metallo alle esigenze di spazi e utilizzi diversi, modellarlo sui gusti e sui desideri di un pubblico raffinato ed esigente, utilizzando la tecnologia con creatività e ricerca, cultura progettuale e capacità manuale, conoscenza della materia e amore per cogliere le sue possibilità espressive”


De Castelli, al Cersaie, ha presentato nuove sperimentazioni di superfici metalliche per rivestimenti a parete e a pavimento.

De Castelli Tela con Paola Lenti

Tra le novità di quest’anno Tela, un tessuto metallico in rame ossidato, e Glow, un intarsio optical composto da quadratini disallineati in ferro nero naturale e alluminio iridescente, entrambi nati dalla partnership tra Paola Lenti e De Castelli come soluzione per i rivestimenti a parete e per la creazione di divisori.

De Castelli Glow con Paola Lenti

Circle Wall, progettato internamente, caratterizzato dalla scenografica sovrapposizione di moduli rotondi con l’abbinamento di diverse ossidazioni realizzate su ottone.

De Castelli Cicle Wall

All’interno dello spazio espositivo presentata anche la collaborazione con Linvisibile, tramite l’installazione di una porta interamente rivestita dai metalli De Castelli.

De Castelli L’invisibile , porta

http://www.decastelli.it/it/

Shades, le ceramiche di Gordon Guillaumier

Shades, Gordon Guillaumier – Ceramiche Piemme

Con Shades ho voluto catturare la libertà e la spontaneità degli acquerelli, una tecnica che amo proprio perché irregolarità e imperfezioni sono strettamente legate al segno manuale e rappresentano un valore aggiunto.

Gordon Guillaumier


Shades, Gordon Guillaumier – Ceramiche Piemme

Con la collezione Shades,  Ceramiche Piemme offre una nuova risposta alla dialettica tra arte e tecnica: Gordon Guillaumier esplora la stampa digitale per dare vita a pavimentazioni e superfici che riproducono pennellate e velature.

Shades, Gordon Guillaumier – Ceramiche Piemme

La collezione di piastrelle Shades replica in maniera realistica il segno delicato e imperfetto della pennellata; le sovrapposizioni di colori creano sfumature uniche che si abbinano alle 5 tonalità di base effetto cemento.

Shades, Gordon Guillaumier – Ceramiche Piemme

Quattro le tipologie di decoro, ciascuna espressa in cinque tonalità che variano dal blu all’azzurro, dal bianco al dorato al carta zucchero: veri e propri movimenti di colore tipici della tecnica ad acquerello. L’incontro tra modernità e tradizione si esprime anche attraverso la scelta dei formati: alle moderne lastre 60X60cm o 60X120cm, Ceramiche Piemme abbina piastrelle decorate di formato esagonale che ricordano le tradizionali cementine ad altre di piccolo formato (20X20cm) proprio delle maioliche classiche.

Shades, Gordon Guillaumier – Ceramiche Piemme

https://www.ceramichepiemme.it/

TIERRAS BY PATRICIA URQUIOLA

TIERRAS BY PATRICIA URQUIOLA

Tierras Ceramiche Mutina: elementi che emergono dalla terra, imperfetti e materici, segnati dalla mano dell’uomo e dal passare del tempo


TIERRAS BY PATRICIA URQUIOLA

La collezione si sviluppa intorno al concetto di sedimentazione e tradizione artigianale mediterranea

Diversi tipi di lave, di terrecotte e di terre cromaticamente compatibili tra di loro, si combinano e si miscelano arricchendo ed ammorbidendo la base nera di ceramica riciclata sulla quale si depositano, lasciandola timidamente riaffiorare in superficie.

TIERRAS BY PATRICIA URQUIOLA

Tierras è tradizione rivisitata, un progetto che si sviluppa intorno al concetto di sedimentazione e tradizione artigianale mediterranea, elementi che emergono dalla terra, segnati dalla mano dell’uomo e dal passare del tempo.

TIERRAS BY PATRICIA URQUIOLA

La collezione è realizzata in gres porcellanato non smaltato ad impasto omogeneo, con l’innovativa tecnologia continua, un moderno sistema produttivo basato su lavorazioni di polveri a secco. Ne risulta un prodotto altamente materico, caratterizzato da una palette di colori intensi, profondi, terrosi e naturali resi saturi dalla base nera.

TIERRAS BY PATRICIA URQUIOLA

design Patricia Urquiola

https://www.mutina.it/it/tierras-4/

Grand Carpet – Antonio Citterio e Patricia Viel per Marazzi

Grand Carpet – Antonio Citterio e Patricia Viel per Marazzi

In gres porcellanato colorato in massa, in grande formato (120×240 cm) e con spessore 6 mm, Grand Carpet è destinato al rivestimento di superfici indoor e outdoor, orizzontali e verticali, sia in ambito residenziale che contract. “Il Grès ceramico è un materiale capace di performance straordinarie, integra tecnologie di produzione sempre più sofisticate ampliando formati e geometrie. È un materiale resistente, neutro, sano, riciclabile, la sua superficie può evocare e restituire effetti visivi senza limiti di applicazione. Abbiamo deciso di cercare nella tradizione decorativa orientale un tema di disegno che potesse valorizzare il grande formato della lastra e la calda natura della pasta ceramica. 

Grand Carpet – Antonio Citterio e Patricia Viel per Marazzi

Gran Carpet contamina il disegno del tappeto orientale con la tradizione Kolam di decoro effimero a pavimento con il riso, ma anche con il Mehindi, il tatuaggio temporaneo rituale indiano. Il decoro antico ma non permanente, capace di rafforzare ed evocare il senso del luogo e onorare un rito di appartenenza è per noi molto coerente con lo scopo di valorizzare un materiale senza che il decoro per sè prevalga sulla materia. 

Grand Carpet – Antonio Citterio e Patricia Viel per Marazzi

La scala ingigantita, la frammentazione del disegno, la versatilità della composizione geometrica delle parti che non necessariamente devono ricomporre una figura, supportano il tema di un decoro simbolico.  Il disegno si manifesta attraverso un grafismo contemporaneo per punti, retino di stampa o pixel, il linguaggio grafico si imparenta con la contemporaneità e introduce il tema della percezione visiva nella prospettiva del piano orizzontale del pavimento.

Grand Carpet – Antonio Citterio e Patricia Viel per Marazzi

Il disegno diventa percezione evanescente e mutevole secondo il punto di vista, non statico. Soprattutto è intimamente integrato con i valori materici della pavimentazione. Gran Carpet supera il paradosso che spesso incontra il decoro nell’architettura, di essere neutro e ma anche rafforzare il carattere e l’intenzione del progetto, mantenere un tono di fondo ma essere estremamente pertinente nell’attribuire identità e riconoscibilità allo spazio”.  (Antonio Citterio)

Grand Carpet – Antonio Citterio e Patricia Viel per Marazzi

https://www.marazzi.it/

 

BISAZZA, LE CEMENTINE, tendenze del Cersaie 2017

Cementiles Bisazza collezione di marmette disegnata da Carlo Dal Bianco

“Le collezioni delle piastrelle in cemento nascono dall’incontro tra il mondo creativo di Bisazza e il mio mondo colorato, eclettico e informale.
Forme vagamente pop. Asterischi giganti. Ottagoni sbiechi e irregolari. Quadrati che non sono quadrati. Rettangoli che non sono rettangoli. Forme irregolari ritagliano nell’esagono fiori stilizzati e bizzarri. Perché anche l’imperfezione delle cose è una specialissima forma di bellezza. Motivi decorativi da mischiare in libertà. Per simulare un ironico parquet. Un tappeto di qualche lontana tradizione folk. Un inedito patchwork che può sembrare un esperimento decorativo anni Cinquanta. Così ogni pavimento diventa speciale. E invita a osare forme e composizioni diverse, mischiando decori e colori delle nuove piastrelle in cemento firmate Bisazza.”

Paola Navone

 


Cementiles Bisazza collezione di marmette disegnata da Paola Navone

Questi motivi decorativi, dallo stile un po’ giocoso e declinati in un’ampia gamma di tonalità cromatiche, “incontrandosi” liberamente, creano delle trame uniche, simili a dei tappeti, rendendo qualsiasi superficie insolita. Un’ampia collezione capace di comunicare lo stile decorativo del passato e del presente attraverso i suoi linguaggi espressivi, che rivelano la cifra creativa di ogni designer coinvolto nel progetto: Paola Navone, Jaime Hayon, Carlo Dal Bianco e Bisazza Design Studio.

Cementiles Bisazza collezione di marmette disegnata da Carlo Dal Bianco

La prima collezione di marmette è stata disegnata nel 2014 da Paola Navone, Carlo Dal Bianco  e dal Bisazza Design Studio, il centro design interno all’azienda.

Ma la Bisazza Cementiles è cresciuta di anno in anno grazie all’apporto di alcuni tra i più grandi designer internazionali, tra i quali il britannico Tom Dixon, i fratelli brasiliani Fernando e Humberto CampanaJaime Hayon e India Mahdavi.

Cementiles Bisazza collezione di marmette disegnata da Carlo Dal Bianco

E protagonisti, in questo prossimo Cersaie 2017, i rivestimenti in ceramica in genere. Le piastrelle aiutano a personalizzare gli ambienti in cui trascorriamo il nostro tempo, definendo, spesso più degli arredi, il carattere dell’indoor.

Cementiles Bisazza collezione di marmette disegnata da Paola Navone

Ideale per questo tipo di operazione perché pratico e soprattutto versatile è il gres porcellanato. Le tendenze vanno dalle decorazioni delle cementine, all’effetto del fatto a mano tipico del cotto, alle sembianze del legno e del marmo.

Cementiles Bisazza collezione di marmette disegnata da Paola Navone

Colore e geometria caratterizzano le piastrelle in ceramica ispirate alle Cementine. Alcuni grafismi, che vivacizzano pavimenti e pareti, riprendono i pattern optical tipici dello stile liberty. Il patchwork di fantasie dallo schema apparentemente casuale, è un’efficace soluzione decorativa. In altri casi è la natura a suggerire motivi originali: ad esempio i fratelli Campana, per la collezione Cementiles dBisazza, hanno rivisitato le forme e le cromie dei minerali.

Cementiles Bisazza collezione di marmette disegnata da Paola Navone

 

www.bisazza.com/