Archivi tag: Mutina

Come fogli di carta stropicciati… Mutina

FOLDED BY RAW EDGES

FOLDED BY RAW EDGES


FOLDED BY RAW EDGES

La collezione nasce dalla volontà di riprodurre gli effetti della carta piegata sulla ceramica, una materia antica con caratteristiche e peculiarità specifiche.

FOLDED BY RAW EDGES

Come riferimento visivo i pattern ceramici tradizionali, molto comuni negli appartamenti di Tel Aviv degli anni Cinquanta e Sessanta: pattern ripetitivi giocati sull’alternanza cromatica. Raw Edges, originari di Israele, hanno cercato di ricrearne la ripetitività e il fascino intrinseco, solo attraverso linee di piegatura.

FOLDED BY RAW EDGES

http://www.mutina.it/it/folded/

http://www.raw-edges.com/

Azulej – Mutina

Azulej - Mutina Patricia Urquiola
Azulej – Mutina Patricia Urquiola

La collezione di ceramiche Azulej che Patricia Urquiola progetta per Mutina, riprende la memoria delle antiche maioliche artigianali, a base di cemento idraulico.

Azulej - Mutina Patricia Urquiola
Azulej – Mutina Patricia Urquiola

Questa tradizione – rivisitata in chiave contemporanea – viene realizzata serialmente in formato 20 x 20 cm.

Azulej - Mutina Patricia Urquiola
Azulej – Mutina Patricia Urquiola

E’ una rivisitazione acuta della composizione a patchwork: un mix and patch innovativo, volutamente casuale, che abbina disegni astratti e colori non saturi, neutri, appena consumati; colori che si fissano al materiale di supporto in modo naturalmente irregolare.

Azulej - Mutina Patricia Urquiola
Azulej – Mutina Patricia Urquiola

Un risultato unico e sorprendente, che regala libertà compositiva e unicità di disegno, mantenendo intatte le caratteristiche del ‘fatto a mano’, con le prestazioni di un materiale ad alta tecnologia adatto sia a pavimenti che a rivestimenti.

Azulej - Mutina Patricia Urquiola
Azulej – Mutina Patricia Urquiola

http://www.mutina.it/

Mutina____ ceramiche & Design anteprime Salone

per la prima volta al Salone del Mobile di Milano…….

La 51° edizione del Salone di Milano vedrà Mutina tra i suoi protagonisti. La scelta della principale manifestazione fieristica del mondo nel settore è la conferma della propria vocazione al design. Mutina non è una ceramica tradizionale, mette il proprio know how costruito attraverso anni di continua ricerca a disposizione delle più grandi firme del design contemporaneo. Il risultato è la creazione di collezioni inedite che si caratterizzano per i propri valori estetici, tecnologici ed eco-sostenibili. Lo stand è stato disegnato appositamente da Patricia Urquiola ed è l’espressione della corporate identity Mutina da lei rinnovata.

I nuovi prodotti saranno:

-TEX è il secondo progetto dei Raw Eges firmato Mutina.

 

TEX-RAW EDGES MUTINA 2012

Una ricca e multicolore collezione di piastrelle in ceramica ispirata alla consistenza del tessuto. Prendere in prestito dal tessile una trama già esistente e trasformarla in una nuova texture è stato il punto di partenza. La forma della piastrella è un rombo: ingrandimento semplificato del punto a maglia fondamentale, che perfettamente simmetrico ed allineato dà origine al tessuto. La collezione si compone di dieci colori, per ciascuno esistono tre tonalità la cui mescolanza è stata ispirata dal motivo dei tessuti, riproponendo la consistenza delle diverse sfumature del filato. Al momento dell’assemblaggio del prodotto finale le tre tonalità vengono posizionate a caso nella confezione.

La produzione di TEX è interamente artigianale, grazie a questo Mutina propone una molteplicità di texture, colori e smalti adatti ad ogni tipo di personalizzazione.

-Patricia Urquiola firma per Mutina il suo quarto progetto, AZULEJ

 

AZULEJ - Patricia Urquiola MUTINA 2012

Questa nuova collezione di ceramiche riprende la memoria delle antiche maioliche artigianali a base di cemento idraulico. Questa tradizione – rivisitata in chiave contemporanea – viene realizzata serialmente in formato 20×20 e 80×80 cm. Un mix and patch innovativo, volutamente casuale, che abbina disegni astratti e colori non saturi, neutri, appena consumati; colori che si fissano al materiale di supporto in modo naturalmente irregolare, colando sui bordi come avveniva nel passato. Un patchwork unico e sorprendente, che regala libertà compositiva e unicità di disegno, mantenendo intatte le caratteristiche del “fatto a mano” con le prestazioni di un materiale ad alta tecnologia.

Del resto, MUTINA è già nota per le meravigliose collezioni Phenomenon firmata da Tokujin Yoshioka e Déchirer Sottile firmata da Patricia Urquiola:

La collezione Phenomenon di Mutina  presentata in occasione della fiera Cersaie 2010,
è stata ideata dal designer Giapponese Tokujin Yoshioka che ha cercato di incorporare all’interno del suo progetto le leggi naturali.

collezione Phenomenon di Mutina 2010

La collezione si compone di tre diverse serie ispirate alla natura:

Honeycomb 
Una serie di rivestimenti liberamente ispirati al favo delle api.

Rain 
Questa serie s’ispira all’andamento della pioggia, facendo del movimento il proprio punto forte.

Snow
 L’ispirazione nasce dal posarsi della neve e dalla carta giapponese.


 

collezione Phenomenon Tokujin Yoshioka di Mutina 2010
collezione Phenomenon Tokujin Yoshioka di Mutina 2010

 

Déchirer Sottile firmate da Patricia Urquiola per Mutina è prodotto con la stessa tecnologia continua delle lastre di 12 mm e nelle stesse 7 nuances di colore e, proprio grazie allo spessore ridotto e all’estrema modularità, può essere impiegato in ambienti prima off-limits.

Déchirer Sottile firmate da Patricia Urquiola per Mutina 2010

Un gres porcellanato tecnico di soli 4,8 mm sviluppato nei grandi formati (fino al 120×120) per un materiale innovativo.

Le particolari caratteristiche tecniche lo rendono estremamente performante ed idoneo all’impiego sia in ambienti residenziali che in luoghi pubblici (negozi, centri commerciali, uffici, hotel, palestre, spa, scuole, aeroporti, cinema).

Déchirer Sottile firmate da Patricia Urquiola per Mutina 2010 installazione

Déchirer Sottile è effettuato per pressatura, processo che lo rende più resistente alle sollecitazioni ed elimina i problemi legati al tensionamento della materia e alla tenuta della posa. La produzione delle lastre per pressatura permette, inoltre, di realizzare decorazioni in rilievo, a differenti spessori, che movimentano la superficie.

Déchirer Sottile firmate da Patricia Urquiola per Mutina 2010 installazione

Oltre a rispettare tutte le normative internazionali, Déchirer Sottile è un materiale eco-friendly: recupera le polveri, il porcellanato di rettifica ed elimina gli scarichi di acqua con un conseguente risparmio dei costi di produzione e un ridotto impatto ambientale.

 

Déchirer Sottile firmate da Patricia Urquiola per Mutina 2010 installazione

www.mutina.it/