Archivi tag: Life

Greenhouse Glam

couch chandelier

In questo piccolo ritiro dietro la casa di Heather Cameron, i fiori sono per lo più sui tessuti e gli scintillii dei lampadari di cristallo, somigliano ai raggi del sole!

chandeliers-chair

Una serra mai usata per il suo scopo originale ma come un luogo per sfuggire da tutto e rannicchiarsi con un libro…..o con degli amici…

Un rifugio, un luogo dove poter riflettere o semplicemente rilassarsi o meditare; un luogo per le proprie emozioni!

ladder-flower-pots

Eh si, perché nella vita frenetica di tutti i giorni rimane veramente poco tempo per riflettere, per condividere con i veri amici attimi di tranquillità, un luogo magico, un buen ritiro!

greenhouse-exterior

Per saperne di più: serra glamour Makeover – Shabby Chic Decorazione – Vivere Country

Credits: photo credit: Janis Nicolay – http://www.countryliving.com

pillow-stack-chair

Vestire la LUCE!

Molo Design Hobo Lantern + bag

Molo Design:  Hobo Bag & Lantern  – Anteprima Salone del Mobile di Milano –

Trovo geniale questa lampada….e credo proprio che presto sarà mia! E’ un’anticipazione del Salone:

Molo Design Hobo Lantern+bag

Da Molo Design, azienda canadese arriva la divertente borsa luminosa, una luce portatile ispirata alla vita notturna urbana di Zona Tortona durante la Milano Design Week. “Ci sono tre tipi di Hobo: due in feltro, nero e grigio, e una in Tyvek bianco, in tessuto-non-tessuto.

Molo Design Hobo Lantern+bag

All’interno della borsa è stato posto un piccolo LED alimentato da una batteria ricaricabile. A casa, è possibile utilizzare la borsa in versione lampada, accendere e spegnere la lampada grazie al piccolo interruttore e ricaricare la batteria attraverso il caricabatterie associato alla borsa.

MOLO design può essere riassunta con pochi aggettivi quali semplicità, qualità, funzionalità e gusto.

Offrono una risposta professionale e concreta a tutto ciò che è grafica e design, il giusto connubbio tra gusto e stravaganza.

Molo Design hearfelt lantern for Japan

Inoltre con “heartfelt lantern for Japan” progetto di  molo design con Architecture for Humanity, Propone in Edizione limitata la heartfelt lantern e i proventi saranno donati all’architettura per dell’umanità e destinati ai soccorsi in Giappone.

Molo Design hearfelt lantern for Japan

Per l’imminente Salone del Mobile (dal 12 al 17 aprile) la mostra di Molo si terrà al Superstudio Più di via Tortona dove lo studio continuerà l’esplorazione del peso leggero, flessibile, sistemi di costruzione in carta e divisori spazio tessile, arredamento e illuminazione flessibile.

www.molodesign.com/ compra online a molostore.com! Un ringraziamento particolare a Manuele Turri di Molo Design, di Via Saragozza 1 – 40123 Bologna – ITALY , per le foto concesse.

L’altra lampada che vi propongo, oggi, è nota, ma è troppo bella nella sua semplicità….entrambe sono state progettate “vestendo la LUCE” e creando delle suggestioni……è di Droop:

Droog Clothes hanger lamp

Droog = asciutto: Ready Made?

Propensione alle forme semplici, niente decori superflui ma installazioni materiche….Ready Made!

Droog Clothes hanger lamp

Hector Serrano, nel 2002, progetta la Clothes hanger lamp. Una gruccia diviene una lampada con una camicia come paralume, può essere la propria o quella di un amore lontano che si vuole evocare con la vista e con l’olfatto: la lampada a incandescenza, infatti, funge da diffusore per l’odore impresso sulla camicia……

….riuso, razionalità ed emozione!

Droog Clothes hanger lamp

Droog Design marchio decisamente innovatore, olandese, specializzato nella creazione di prodotti basati su concetti innovativi.  I loro prodotti generano l’interazione, la partecipazione, i loro prodotti raccontano una storia, sono destinati ad essere amati…Se state cercando qualcosa di unico, bello e funzionale … vi consiglio Droog!

Durante il Salone del Mobile di Milano Droog propone gli strumenti di progettazione digitale e una vasta gamma di mobili e accessori progettati per il download…si troverà in via Alserio, 22.

Shop on-line su: www.droog.com/

Droog Clothes hanger lamp

Emozioni Nordiche

Deko // Susanna Vento // photography Mirva Kakko

Oggi c’è la voglia di emozionare…

Ecco delle soluzioni di arredi bianchi…oltre il bianco…creazioni di un’atmosfera unica, quasi rarefatta… Oggetto, arredo, design, emozione, materia prima, paesaggio domestico, forme, linee, rituali.

Deko // Susanna Vento // photography Mirva Kakko

…sempre di Susanna Vento, interior design finlandese.

Deko // Susanna Vento // photography Mirva Kakko

Suggestioni dell’anima dove nulla è banale nè scontato ma le atmosfere sospese raccontano tutto, una dimensione psicologica profonda.

Deko // Susanna Vento // photography Mirva Kakko

 

Deko // Susanna Vento // photography Mirva Kakko
Deko // Susanna Vento // photography Mirva Kakko

Qui, di seguito, vi elenco e vi descrivo quelli che, per me, sono gli oggetti più di personalità….

Ball TYP F

Questa lampada può essere considerato come un ulteriore sviluppo delle lampade Fun. Invece di dischi fatti di conchiglia o di alluminio Panton questa volta utilizzate palline di plastica. Speciale, caldo e “vivo” emanazioni sono alcune delle caratteristiche di questo insolito ciondolo disegnato da Verrner Panton. La lampada è funky, divertente, elegante e, soprattutto, è molto diverso. Sembra incredibile quando appeso in gruppi.

Ball Lifestyle Peter

Non è per nulla un caso che VerPan è diventato un marchio famoso, sia in Danimarca che nel mondo; fin dall’inizio, l’obiettivo è stato quello di produrre l’illuminazione in conformità con i principi originali di Verner Panton, creando una sintesi tra qualità e originalità.

http://www.verpan.dk/products

Flake

In questa casa super luminosa, vi segnalo un’idea interessante per tende e schermi verticali con una texture tridimensionale. Si chiama Flake · fiocco- è un elemento·decoro modulare realizzato in Tyvek®. L’unione di più elementi, tramite incastro, forma un reticolo a maglia dando vita a superfici tridimensionali.

flake

Il design è opera della danese Mia Cullin. Prodotto da Woodnotes

http://www.woodnotes.fi/

Vitra Hocker sgabello

Lo sgabello Hocker è stato progettato da Herzog e de Meuron e rappresenta il loro stile concettuale. Fa parte di una serie di oggetti e installazioni che accompagnano il lavoro di progettazione architettonica degli architetti di Basilea si trova come progetti indipendenti. Hocker è fatta da solido betulla da Vitra ed ha una moltitudine di usi.

Vitra Hocker sgabello

È disponibile in due finiture: marrone scuro o verniciato bianco.  (Vedere la collezione Vitra .)

http://www.vitra.com/en-it/

Componibili

Gli elementi componibili sono stati progettati per rispondere a diverse esigenze d’uso e vivere in ogni ambiente della casa.  La soluzione progettuale che anima il sistema Componibili è l’elementare e solida sovrapposizione verticale dei singoli pezzi. Proposti in forma rotonda e quadrata possono poggiare su rotelle. Sono in produzione da più di trent’anni ed hanno ricevuto molti riconoscimenti sono esposti anche Museum of Modern Art di New York e al Centre George Pompidou di Parigi. La nuova finitura silver li rende ancora più attuali….  (Designer: Anna Castelli Ferrieri)

Kartell

http://www.kartell.it/

Link: http://www.susannavento.fi/

Le farfalle nello stomaco….

SprigLife-ricetta di Luca Montersino-

LE FARFALLE BALLANO

Le farfalle ballano

velocemente

un ballo

rosso

nero

arancione

verde

azzurro

bianco

ranata

giallo

violetto

nell’aria

nei fiori

nel nulla

sempre volanti

consecutive

e remote.

(Pablo Neruda)

Lasciatevi ispirare dalle nuove forme primaverili di ….Silikomart…..

…ho già parlato ampliamente di questo prodotto; vi allego le foto di uno degli ultimi stampi creati per questa Primavera…

Grazie agli stampi in silicone Silikomart e alle nuove e facili da realizzare ricette del Maestro italiano Luca Montersino sarà facile e piacevole creare gustose preparazioni.

Il nuovo packaging della linea Fancy & Function includerà le esclusive ricette del pasticciere Luca Montersino.

Ogni stampo sarà presentato con un nuovo packaging in pvc con un’elegante texture bianco velinato che permetterà di intravedere il prodotto. Un pieghevole presenterà  le ricette esclusive con foto rappresentativa della creazione, realizzata per Silikomart da Luca Montersino, pasticcere italiano di fama internazionale. Tutte le ricette sono ideate esclusivamente per Silikomart e quindi garantiscono un risultato perfetto di gusto, sformatura e quindi di successo.

Le ricette saranno presentate in 5 lingue dato il respiro internazionale che l’azienda Silikomart vuole dare al suo brand e ai suoi prodotti ormai molto presenti anche all’estero a livello europeo e mondiale.

Monoporzioni al lime e frutta fresca (ricetta di Luca Montersino)

Ingredienti
Per la mousse al lime
400 g panna; 300 g crema pasticcera; 5 g colla di pesce in fogli; 15 g buccia di lime; 10 g maraschino 70°;
Per la finitura
200 g pan di spagna; 50 g gelatina neutra;
Per la bagna al maraschino
60 g acqua; 60 g sciroppo di zucchero; 15 g maraschino 70°;
Per la gelée alle pesche
100 g purea di pesca; 35 g zucchero semolato; 2 g colla di pesce in fogli; 10 g succo di limone
Per la gelée ai frutti di bosco
50 g purea di mirtillo; 50 g purea di lamponi; 35 g zucchero semolato; 2 g colla di pesce in fogli; 10 g succo di limone;
Per la gelée ai lamponi
400 g purea di lamponi; 140 g zucchero semolato; 12 g colla di pesce in fogli; 20 g succo di limone

Procedimento
Per la chantilly al lime:
miscelare la buccia di lime grattugiata con la crema pasticcera quindi scaldare una parte di questo composto ed unirvi la gelatina; mescolare bene in modo da far sciogliere la gelatina, unire il resto della
crema fredda, il maraschino ed alleggerire il tutto con la panna montata.
Per le gelatine di frutta:
scaldare una piccola parte di polpa di frutta, sciogliervi dentro la colla di pesce precedentemente ammollata e strizzata, lo zucchero e il succo di limone, quindi unire il resto della polpa fredda. Ripetere questa operazione per tutti i gusti. Mettere in frigorifero fino a far rapprendere.
Le gelatine dovranno risultare cremose e non troppo gelatinate.
Per la bagna al maraschino:
miscelare insieme i tre ingredienti.
Per il montaggio del dolce:
colare la chantilly negli stampi, mettere sopra un pezzo di pan di spagna inzuppato con la bagna al maraschino facendo attenzione che il pan di spagna non tocchi il bordo degli stampi. Porre il tutto in
congelatore ad indurire quindi sformare e decorare con le gelatine di frutta ormai semi rapprese.

 

Springlife

Link e shop on-line : www.silikomart.net/ Un ringraziamento per le foto e le ricette alla dott.ssa Silvia Rasi

Provocazioni tessili….Timorous Beasties

Oriental Orchid

…..Ma, topolino, non sei il solo

A provare che la previdenza può essere vana:

I piani più accurati dei Topi e degli Uomini

Vanno spesso storti,

E non ci lasciano che dolore e pena,

Invece della gioia promessa!

Tu sei ancora fortunato, in confronto a me!

Soltanto il presente ti tocca:

Ma, ahimé! io volgo lo sguardo indietro,

Su un panorama desolato!

E avanti, benché io non possa vedere,

Sospetto e temo.

(da “A un Topo”di Robert Burns)

McGegan Rose

Il nome Timorous Beasties, infatti, deriva dal poema di Robert Burns “A un topo”. Noto per le sua textiles surreale e i suoi provocatori sfondi, lo studio di design di Timorous Beasties nasce a Glasgow nel 1990 da Alistair McAuley e Paul Simmons.

Glasgow Toile Fabric

Da raffiguranti immagini contemporanee su sfondi e tessuti tradizionali, Timorous Beasties ha definito uno stile iconoclastico del design. Tipica è il Toile di Glasgow.

London Toile

A prima vista potrebbe sembrare una carta da parati tradizionale dell’inizio dell’800, ma ad uno sguardo attento si rivela una visione da incubo della Glasgow contemporanea dove tossicodipendenti, prostitute e senzatetto sono raffigurati su uno sfondo di palazzi e fabbriche fatiscenti tra il volo dei gabbiani………..

Contestualizzata- Glasgow Toile Fabric-

McAuley e Simmons eseguono anche creazioni personalizzate, come i tessuti per cappelli Philip Treacy e per gli interni di Teatri.

Toile di Glasgow

Timorous Beasties sono sperimentali nell’approccio della stampa a mano e a macchina.

Bloody Hell

Questi cambiamenti si riflettono in un’estetica in evoluzione: dalle prime interpretazioni ribelli di immagini naturalistiche di insetti, piante e pesci, ad uno stile grafico, searingly, contemporaneo, che, come illustra la Toile Glasgow, esplora temi sociali e politici.

varie

Link: www.timorousbeasties.com

Digital Iguana

Vi inserisco altre immagini di tessuti …..sono magnifici!!!…….

Imperial Damask

http://www.timorousbeasties.com/

Art Nouveau Fabric

 

Un paradiso di artisti a… Marrakech

 

Jardin Majorelle Marrakech

Lo spettacolare Jardin Majorelle di Marrakech mostra forse l’aspetto più naturale ed esotico di Marrakech….

Il Jardin Majorelle lo trovate subito dopo le mura della medina nei pressi di Bab Doukala.

Jardin Majorelle Marrakech

Lo spettacolo che si apre ai visitatori è superbo: sembra di essere in un giardino dell’Eden. Odori, varietà vegetali, piante rare, paesaggi e colori stordiscono! Nulla è lasciato al caso…il primo choc è, sicuramente, quello dei colori: il blu oltremare, il verde Veronese o il giallo vivo dei vasi. L’estrema modernità senza tempo della villa, una villa di artisti….

Jardin Majorelle Marrakech

Il nome del giardino deriva dal suo creatore, il pittore francese Jacques Majorelle che, nel 1919, si trasferì a Marrakech, conquistato dalla sua luce, dai suoi colori. L’artista dipinse la villa con dei colori vivi dove prevalse il blu, diventato famoso e oggi chiamato: blu Majorelle. I giardini che circondano l’Atelier vennnero piantumati con differenti specie botaniche, provenienti dai cinque continenti, principalmente cactus e bouganvilles. Tutto questo, più tardi, diventerà il giardino Majorelle.

 

Jardin Majorelle Marrakech

Dopo la morte di Jacques Majorelle il giardino rimase aperto al pubblico e subi’ delle forti degradazioni. Nel 1980, Yves Saint Laurent e il compagno Pierre Bergé, lo acquistarono.
Fino al 18 marzo  l’esotico e affascinante Jardin Majorelle di Marrakech ha ospitato un’esibizione dedicata al grande stilista Yves Saint Laurent.

Jardin Majorelle Marrakech

Curata da Pierre Bergé e dalla Fondation Yves Saint Laurent, l’iniziativa ha voluto celebrare la città marocchina, fonte d’ispirazione del couturier francese.

Jardin Majorelle Marrakech

I colori, i sentori d’Africa e l’esuberanza della vegetazione di Majorelle catturano ogni anno oltre 600.000 visitatori. Non perdetevelo!

Jardin Majorelle Marrakech

Link: jardinmajorelle.com