Archivi tag: lampade

Le Lampade di Carmen D’Apollonio

Carmen D’Apollonio

Carmen D’Apollonio è un’artista italiana, nata e vissuta in Svizzera. Dal 2014 vive a Los Angeles, dove si è trasferita per perseguire la carriera nell’arte della ceramica e aprire il suo studio.

Carmen D’Apollonio

Le sue lampade sono delle sculture piene di carattere che potrebbero riempire una stanza con la loro sola presenza. 

Carmen D’Apollonio

Il suo lavoro è il perfetto connubio tra arte e funzionalità, con un occhio fresco e originale su un’arte antica come quella della ceramica.

Carmen D’Apollonio

http://carmendapollonio.com/

SPUTNIK – Julie Lansom

SPUTNIK - Julie Lansom
SPUTNIK – Julie Lansom

Coloratissime, leggere, ironiche, le sue lampade sono ispirate al primo satellite artificiale lanciato in orbita intorno alla Terra, il celebre Sputnik, che il 4 ottobre del 1957 partì dall’ex Unione Sovietica in direzione dello Spazio. Retrò il profilo di questi satelliti vintage sospesi in aria o atterrati che siano.

SPUTNIK - Julie Lansom
SPUTNIK – Julie Lansom

La realizzazione artigianale degli oggetti di Julie Lansom secondo la tecnica arcaica ed evocativa della tessitura a mano, trasporta le Sputnik da una dimensione tecnologica a un territorio più intimo e familiare. L’orditura paziente e attenta dei fili rinvia a una gestualità in cui si condensa l’antica sapienza femminile e riporta le lampade, pensate per lo spazio, in un tempo che non si sa se già si è dato o se ha ancora da venire.

SPUTNIK - Julie Lansom
SPUTNIK – Julie Lansom

L’estetica, vicina all’immaginario spaziale, si riscalda attraverso la scelta di colori ispirati all’autunno e alle sue sfumature. Ai volumi progettati con righello e compasso, tagli geometrici nei colori bianco o argento dell’era spaziale, si sostituisce una brillante palette che gioca con azzurro, giallo, grigio e rosa. La pratica della tessitura a mano sottrae le lampade alla freddezza tecnologica riconducendole ad un ambito più familiare, secondo un approccio che la designer definisce retrofuturistico. Il suo lavoro da un lato incarna la proiezione verso il futuro e nuovi mondi appetibili, dall’altro una rivisitazione dell’immaginario degli anni ’60 -‘70.

SPUTNIK - Julie Lansom
SPUTNIK – Julie Lansom

Fino a qualche anno fa Julie Lansom era una fotografa. Ma la passione per l’artigianato l’ha sempre avuta. Dal 2013 realizza lampade craft che «contengono sempre un po’ di nostalgia», dice.

SPUTNIK - Julie Lansom
SPUTNIK – Julie Lansom

© photo Amandine Paulandré

julielansom.com

 

Lampade CHARLOTTE & CHANTAL per SLAMP

Lampade CHARLOTTE & CHANTAL per SLAMP Doriana e Massimiliano Fuksas
Lampade CHARLOTTE & CHANTAL per SLAMP Doriana e Massimiliano Fuksas

 

“L’idea nasce dal mondo dell’illusione, dalla sfida di trasformare un elemento bidimensionale in volumi che si moltiplicano all’infinito. 
Una luce che ricorda il rincorrersi delle onde e la trasparenza del momento in cui si assottigliano, si dematerializzano rinviando interminabili gocce luminose”  (Doriana Fuksas)


Lampade CHARLOTTE & CHANTAL per SLAMP Doriana e Massimiliano Fuksas
Lampade CHARLOTTE & CHANTAL per SLAMP Doriana e Massimiliano Fuksas

Ad Euroluce, la biennale del Salone del Mobile dedicata all’illuminazione, sono state presentate in anteprima nove nuove collezioni Slamp, perfetta sintesi di tecnologie a LED ed elementi decorativi. 

Lampade CHARLOTTE & CHANTAL per SLAMP Doriana e Massimiliano Fuksas
Lampade CHARLOTTE & CHANTAL per SLAMP Doriana e Massimiliano Fuksas
Lampade CHARLOTTE & CHANTAL per SLAMP Doriana e Massimiliano Fuksas
Lampade CHARLOTTE & CHANTAL per SLAMP Doriana e Massimiliano Fuksas

http://www.fuksas.it/

https://www.slamp.com/it/

Melting Pot, Torre di Babele contemporanea

Axo Light melting pot dark patterns
Axo Light melting pot dark patterns

Una Torre di Babele contemporanea dove diversità di forme e decori dialogano in armonia. Una costruzione architettonica suggestiva, la riuscita fusione di caratteri e stili apparentemente dissonanti che esprimono il talento e il pensiero del designer che ha inteso creare una fonte luminosa con-temporanea di con-divisione e di con-vivenza.

Melting Pot è una collezione di lampade a sospensione e applique realizzata attraverso l’assemblaggio di paralumi dalle forme e decorazioni diverse: una novella Torre di Babele la cui diversità di colori e forme è fonte di armonia. Ne risulta una costruzione architettonica suggestiva, la riuscita fusione di caratteri e stili apparentemente dissonanti che esprimono il talento e il pensiero del designer che ha inteso creare una fonte luminosa con-temporanea di con-divisione e di con-vivenza.

Axo Light melting pot dark patterns
Axo Light melting pot dark patterns

I paralumi vengono proposti in combinazioni predefinite di fantasie chiare o scure, le prime con interno bianco e le seconde con interno oro. I motivi decorativi dei pattern esterni spaziano fra proposte di disegni delicatamente optical, righe, quadrati ed eleganti stilizzazioni di fiori, tutti uguali sia nella versione chiara che in quella scura.

Axo Light melting pot dark patterns
Axo Light melting pot dark patterns

L’assemblaggio del gruppo di paralumi avviene attraverso graffe elastiche. La struttura dei paralumi è in tondino di ferro rivestito con PVC autoestinguente accoppiato con tessuto stampato. La finitura in PVC oro degli interni della versione scura è coprente, mentre il PVC della versione chiara lascia filtrare la luce. Le sospensioni sono disponibili in tre dimensioni: Ø 102 cm a 3 luci, Ø 51 cm a una luce e una versione lineare 120 cm a 4 luci. L’applique è proposta in un’unica soluzione a due luci (base 37cm).

Axo Light melting pot light patterns
Axo Light melting pot light patterns

Design Sandro Santantonio

www.ergo-online.it

ALI d’autore

Agnieszka Kiersztan orecchini Ali
Agnieszka Kiersztan orecchini Ali

Mi nascondo nel mio fiore

Perché portandolo sul petto -
Tu – senza saperlo

porterai anche me -
E gli angeli sanno il resto!

Emily Dickynson

Agnieszka Kiersztan Ciondolo Ali
Agnieszka Kiersztan Ciondolo Ali

Gli Angeli non hanno un involucro materiale come noi, ma sono occhi che vedono, 
mani che toccano, cuori che amano…   

Agnieszka Kiersztan per Natale propone ali di Angelo su conchiglia sardonica. Le sue sculture-gioiello, vere poesie, questa volta dedicate agli angeli, splendidi esseri di luce, nostri compagni di sempre, che vivono in un’altra dimensione, dotati di libero arbitrio. Comunicano con noi attraverso il linguaggio dei segni, dei sogni, delle emozioni …

Artecnica Icarus light Studio Tord Boontje
Artecnica Icarus light Studio Tord Boontje

Il Design spiega le Ali, simbolo di bellezza spirituale, da vita a particolari arredi che vanno dalla memoria imperiale dello specchio e del tavolino della Versailles Collection di Jonathan Charles, alla leggerezza del lampadario Icarus di Studio Tord Boontje per Artecnica;

Versailles Collection di Jonathan Charles, specchio
Versailles Collection di Jonathan Charles, specchio

 

Versailles Collection di Jonathan Charles tavolino
Versailles Collection di Jonathan Charles tavolino
Wing’s di Nora De Rudder
Wing’s di Nora De Rudder

dalla poltrona Arabella di Giorgetti, alle tazzine Médaillon Méandre d’Or di Versace per Rosenthal; dalla luce della lampada Wing’s di Nora De Rudder, alla luminosa carta da parati Plume firmata Swarovski.

Giorgetti poltrona Arabella
Giorgetti poltrona Arabella
tazzine Médaillon Méandre d’Or di Versace per Rosenthal
tazzine Médaillon Méandre d’Or di Versace per Rosenthal
Wing’s di Nora De Rudder
Wing’s di Nora De Rudder
Wallpaper Plume, Swarovski
Wallpaper Plume, Swarovski

PET Lamp: Alvaro Catalan de Ocon

PET Lamp: Alvaro Catalan de Ocon
PET Lamp: Alvaro Catalan de Ocon

Il Designer Alvaro Catalan de Ocon ha creato una gamma di paralumi in vimini intrecciato con vecchie bottiglie di plastica, realizzati da artigiani in Cile, per il suo progetto di PET Lamps. Alvaro Catalan de Ocon ha riutilizzato bottiglie di plastica unendole all’artigianato tradizionale per creare una serie d’illuminazione chiamata Chimbarongo, che sotto il Salone del Mobile 2014 pendeva nel cortile dello Spazio Rossana Orlandi. Prende il nome dalla città cilena vicino a Santiago.

PET Lamp: Alvaro Catalan de Ocon
PET Lamp: Alvaro Catalan de Ocon

“Tutta la città è coinvolta nel lavoro con vimini ” ha detto il catalano de Ocon: ” Essi normalmente realizzano cose tradizionali e non molto belle ma siamo andati lì e abbiamo lavorato insieme per un mese. ” Bottiglie di plastica vengono adattate tagliando i fondi e parti in strisce sottili fino al collo. Queste strisce sono poi intrecciate con il vimini per formare i paralumi, mescolando la plastica colorata con fibre naturali per creare modelli.

PET Lamp: Alvaro Catalan de Ocon
PET Lamp: Alvaro Catalan de Ocon

“Abbiamo avuto l’ispirazione da un pezzo di bambù giapponese dalla cerimonia del tè”, ha spiegato de Ocon. I vecchi colli di bottiglia forniscono la struttura e il supporto per il materiale leggero.

PET Lamp: Alvaro Catalan de Ocon
PET Lamp: Alvaro Catalan de Ocon

Il progetto Lamp PET originariamente era iniziato con una collaborazione con dei tessitori in Colombia, che ha creato le prime collezioni di lampade che hanno forme semplici ma usano più colori e modelli.

PET Lamp: Alvaro Catalan de Ocon Spazio Rossana Orlandi Milano 2014
PET Lamp: Alvaro Catalan de Ocon Spazio Rossana Orlandi Milano 2014

La gamma Chimbarongo ha una trama larga e qualche caratteristica di due o tre livelli tessuti, utilizzando il vimini nel suo colore naturale.

PET Lamp: Alvaro Catalan de Ocon Spazio Rossana Orlandi Milano 2014
PET Lamp: Alvaro Catalan de Ocon Spazio Rossana Orlandi Milano 2014

catalandeocon.com/