Archivi tag: installazione

DEDALI e SOPRANI

DEDALI e SOPRANI Daniele Papuli
DEDALI e SOPRANI Daniele Papuli

Installazione con 8 esemplari su i ripiani della libreria. Strutture lamellari composte da strisce e moduli di carta di varia tipologia tagliata e lavorata a mano. Inserti in piallaccio tanganica, foglia oro.

1999/2008


 

Daniele Papuli_Galleria Casa Sibille e Soprani Dugnani_Foto di Raul Zini (41)
Daniele Papuli_Galleria Casa Sibille e Soprani Dugnani_Foto di Raul Zini

Ci siamo dimenticati una parola: lo stupore.

Guardiamo il cielo, terso e luminoso, le stelle, la luna.

Ma poco a poco ci allontaniamo della grandiosità del

cosmo che ci circonda.

Guardiamo le straordinarie visioni di Marte,

della sua sabbia rosa, dell’azzurro dell’ametista nelle sue rocce,

il sole lontano, più piccolo, forse la nostra terra futura

ma il tutto tende presto a cedere alle cose comuni e quotidiane.

Daniele Papuli ci riporta lo stupore: la carta nelle sue mani

si trasforma, si muove, canta, è un’onda irregolare

e increspata dal vento del mare, oppure è un paesaggio

sotto i bianchi spruzzi in un prato verde.

Daniele ama la carta,

ne studia le secolari trasformazioni, la rispetta

ma la interpreta con una fantasia ed una libertà particolari.

Dalla sua grande capacità manuale, dai suoi progetti,

nascono sculture, forme varie e strane, eleganti,

da una assorbita cultura. Nasce con lui un nuovo modo

di guardare, fantasticare. Daniele è un mago,

quella parola non è stata dimenticata,

vero stupore destano le sue opere,

stupore nei nostri occhi e nell’anima: è vita. (Vevè Benini)

 

http://www.danielepapuli.net/

Progetto Charity designjunction: sogno di un bambino

Progetto Charity designjunction: teddyswish
Progetto Charity designjunction: teddyswish

Guardare fuori e vedere un branco di elefanti personalizzati, tutto questo sarà possibile a settembre a Londra dal 24 al 27 in questa bellissima iniziativa di designjunction2015. Dipinti, modellati, e personalizzati da 21 designer e architetti di fama mondiale che hanno condiviso il loro tocco personale con gli iconici Elephant di Eames – donati da Vitra, per l’occasione.

Progetto Charity designjunction: teddyswish
Progetto Charity designjunction: teddyswish

I pezzi artistici, appariranno come installazioni a designjunction2015, intitolata sogno di un bambino – per raccogliere fondi. I 22 oggetti personalizzati saranno presentati nella Victoria House in un’installazione curata da Anthony Dickens, prima di essere messi all’asta. Tutti i fondi andranno direttamente al Desiderio di Teddy.

Progetto Charity designjunction: teddyswish
Progetto Charity designjunction: teddyswish

Nel Regno Unito, più di 300 bambini muoiono inaspettatamente ogni anno. Il Regno Unito ha uno dei più alti tassi di mortalità infantile, inspiegabile nel mondo occidentale sviluppato. Desiderio di Teddy è stato istituito nel mese di agosto 2014 per onorare la memoria di Edward Louis Reid, che è morto di Sudden Infant Death Syndrome. Quindi i fondi raccolti sosterranno la ricerca salva-vita SIDS. Dal suo lancio, Desiderio di Teddy ha raccolto più di 100.000 £ attraverso donazioni on www.teddyswish.org .

Progetto Charity designjunction: teddyswish
Progetto Charity designjunction: teddyswish

http://thedesignjunction.co.uk/charity/

Mushroom Book Installations di Melissa Jay Craig

Mushroom Book Installations di Melissa Jay Craig
Mushroom Book Installations di Melissa Jay Craig

Mushroom Book Installations di Melissa Jay Craig

Mushroom Book Installations di Melissa Jay Craig
Mushroom Book Installations di Melissa Jay Craig

Installazione dell’artista Melissa Jay Craig di 99 libri, realizzati per somigliare ai funghi Amanita Muscaria: comunemente chiamato ovolo malefico o Fungo di Biancaneve, è uno dei funghi velenosi più appariscenti del bosco.

Mushroom Book Installations di Melissa Jay Craig
Mushroom Book Installations di Melissa Jay Craig

Il Fungo come agente di cambiamento.

Mushroom Book Installations di Melissa Jay Craig
Mushroom Book Installations di Melissa Jay Craig

(Via Verde Chair Press)

Mushroom Book Installations di Melissa Jay Craig
Mushroom Book Installations di Melissa Jay Craig

Orticolario 2014 a Villa Erba e i violini di Riva 1920

Orticolario 2014 a Villa Erba Riva 1920
Orticolario 2014 a Villa Erba Riva 1920

“La musica è una sostanza che ti arriva al cervello e

ti fa viaggiare nella notte dell’universo

in mezzo ai frusii delle stelle e dei pianeti”

 

Una citazione di Tonino Guerra, incisa sulla pietra, racconterà l’essenza dell’installazione.Un sottofondo musicale pervaderà lo spazio, come la nebbia e il suo profumo. A Orticolario 2013 Peretto ha vinto il Premio Giardino d’artista con “Capriccio italiano”, installazione che Villa Erba ha scelto di mantenere come allestimento permanente. Una lunga teoria di violini realizzati in legno di briccola, che oscillerà alla brezza e sarà avvolta in volute di nebbia profumata.

Orticolario 2014 a Villa Erba Riva 1920
Orticolario 2014 a Villa Erba Riva 1920

Dal 3 al 5 Ottobre presso Villa Erba si terrà Orticolario, omaggio al giardino e al fascino discreto del fiore, da cogliere attraverso forme, profumi, colori, sensazioni. Per l’occasione Riva 1920 ha realizzato un grande cucchiaio in legno di cedro e 50 violini in legno di briccole della laguna di Venezia.

Orticolario 2014 a Villa Erba Riva 1920
Orticolario 2014 a Villa Erba Riva 1920

Anche quest’anno Riva 1920 farà parte di questa splendida e affascinante manifestazione, esponendo 50 violini realizzati in legno di Briccola ad impreziosire la splendida cornice del Lago di Como e un Cucchiaio in Cedro Profumato in onore di Expo 2015, il cui tema recita “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”

Orticolario 2014 a Villa Erba Riva 1920
Orticolario 2014 a Villa Erba Riva 1920

I pezzi in legno massello, cedro profumato del Libano e legno di Briccola, recuperato dai pali dismessi della laguna di Venezia e caratterizzati dalla tipica lavorazione “a merletto” segno del passaggio dei molluschi, sono il simbolo di una natura intatta e protetta che si fonde con l’arte del giardino e del fiore.

La filosofia del riciclo, del riutilizzo del materiale e del rispetto dell’ambiente è da sempre il tratto distintivo dell’azienda, che mai come nella cornice di Orticolario riesce ancora una volta ad esprimersi al meglio, in un’atmosfera unica in cui a trionfare sono la naturalità del legno, la purezza delle forme e l’arte del giardino con la sua affascinante bellezza, i suoi profumi e i suoi colori.

Orticolario 2014 a Villa Erba Riva 1920
Orticolario 2014 a Villa Erba Riva 1920

La filosofia PER UN GIARDINAGGIO EVOLUTO

La natura è una realtà dinamica e Orticolario si presenta “per un giardinaggio evoluto”.

Il nostro spazio, sia esso un terrazzo, un giardino, un orto, un frutteto o qualsivoglia spazio di contatto privilegiato con la natura può e deve evolvere con il mutare delle nostre passioni e non solo delle stagioni. Ed ecco che questo rapporto di intimità si alimenta e intensifica nella ricerca di nuovi colori, profumi, strumenti ed elementi di arredo vissuti anche nel corso della loro creazione. Abbinando funzionalità e design producono emozioni e stimoli che solo l’arte, in tutte le sue forme, riesce a trasmettere. Dalle più remote regioni italiane e dall’Europa, portatori di conoscenze e venditori di “storie che stanno dietro le foglie”, si confrontano, con le proprie collezioni, con un pubblico transfrontaliero attento alle novità botaniche. La mano dell’uomo forgia la pietra, la terracotta, i tessuti, le erbe acquatiche e altri materiali messi a disposizione dalla natura, in forme ed oggetti che stringono una stretta relazione con l’arte.

Orticolario 2014 a Villa Erba Riva 1920
Orticolario 2014 a Villa Erba Riva 1920

 

Orari di apertura al pubblico

Venerdì 3 ottobre: 9.00 – 19.30

Sabato 4 ottobre: 9.00 – 19.30

Domenica 5 ottobre: 9.00 – 19.00

Ingresso: alle casse,15 euro; online 12,50 euro; gratuito fino a 14 anni. Battello-navetta tra Como e Villa Erba incluso nel biglietto (in servizio sabato 4 e domenica 5 ottobre).

Per informazioni: www.orticolario.itinfo@orticolario.it


http://www.riva1920.it/

LONGLAKE FESTIVAL LUGANO – URBAN ART FESTIVAL

LONGLAKE FESTIVAL LUGANO - URBAN ART FESTIVAL @Area Turismo ed Eventi
LONGLAKE FESTIVAL LUGANO – URBAN ART FESTIVAL @Area Turismo ed Eventi

Dal 2 luglio al 2 agosto torna il festival internazionale LongLake, quest’anno patrocinato da Expo 2015. Un appuntamento atteso e irrinunciabile dell’estate a Lugano che, con oltre 300’000 visitatori, si conferma uno dei più grandi open air urbani della Svizzera.

 @Area Turismo ed Eventi (12)

Anche quest’anno LongLake presenterà, per tutti gli amanti dell’arte, Urban Art Festival (2 luglio – 2 agosto), un cantiere di iniziative artistiche che spazieranno in ambiti sperimentali diversi e metteranno in relazione i cittadini con il contesto urbano.

LONGLAKE FESTIVAL LUGANO - URBAN ART FESTIVAL @Area Turismo ed Eventi
LONGLAKE FESTIVAL LUGANO – URBAN ART FESTIVAL @Area Turismo ed Eventi

Il primo intervento di arte urbana non passerà di certo inosservato agli occhi di cittadini e turisti. Nel lago di Lugano, tra le specie più comuni, solitamente troviamo l’agone, l’anguilla, il barbo, il cavedano, il luccio e tanti altri pesci di piccola taglia. Ma a partire dalla mattina del 2 luglio, sulle sue sponde apparirà una balena! L’installazione Save the Whale consiste, infatti, in una coda di balena visibile dal lungolago fino al 2 agosto 2014. Proposto dai due artisti Stefano Ferretti e Alex Dorici, il progetto prevede la realizzazione della parte posteriore della balena al momento dell’immersione.

LONGLAKE FESTIVAL LUGANO - URBAN ART FESTIVAL @Area Turismo ed Eventi
LONGLAKE FESTIVAL LUGANO – URBAN ART FESTIVAL @Area Turismo ed Eventi

Un’installazione monumentale e spettacolare per dimensioni e per la sua impronta surreale. Ecco di seguito alcuni dati tecnici:

• Altezza: 7,20 m

• Circonferenza della base: 2,00 m di diametro

• Larghezza della pinna: 4.00 m

• Peso: 180 – 200 Kg

• Scolpita in polistirolo espanso (Sagex), ricoperta con uno strato di carta pesta grossa (carta

da pacco industriale)

• Rifinitura: resina acrilica (per renderla impermeabile oltre ad aumentare la sua resistenza)

• Fissata al fondo del lago con cavi di acciaio

Lascio i Link per vedere gli altri appuntamenti e quelli passati!

Città di Lugano | info@longlake.ch | www.longlake.ch

facebook.com/longlakefestival | twitter.com/longlakelugano | youtube.com/luganodge

IN-EI: Issey Miyake insignito del Compasso d’Oro

IN-EI: Issey Miyake Fondation Cartier
IN-EI: Issey Miyake Fondation Cartier

“Vedendole, l’emozione è immediata: conoscendole, lo stupore e la meraviglia si mescolano alla consapevolezza di trovarsi di fronte a un futuro che pensavamo più lontano e non credevamo così bello”

così Ernesto Gismondi presenta le luci che danno vita al progetto IN-EI ISSEY MIYAKE, concepito da Issey Miyake insieme al suo Reality Lab. e realizzato da Artemide.

Schermata 2014-06-09 a 09.05.07
Issey Miyake photo by Hérve Tarrieu Fondation Cartier

IN-EI, hanno ricevuto un importante riconoscimento, venendo premiate con il Compasso d’Oro, per la categoria ADI: Design per l’abitare.
Il premio è stato assegnato dalla giuria per “aver combinato tradizione e modernità in un oggetto essenziale e tecnologicamente avanzato, ma allo stesso tempo poetico”.

Issey Miyake photo by Hérve Tarrieu Fondation Cartier
Issey Miyake photo by Hérve Tarrieu Fondation Cartier

IN-EI, in giapponese: “ombra”, nasce dall’aspirazione del designer giapponese e del suo team di creare una “luce di qualità“, per illuminare i moderni spazi abitativi unendo tecnologia e lavoro manuale.
A dare forma alle diverse lampade che compongono la collezione è una fibra rigenerata proveniente da bottiglie di PET, mentre il movimento viene elargito da una tecnologia innovativa ideata da Issey Miyake.

Schermata 2014-06-09 a 09.05.41
Issey Miyake photo by Hérve Tarrieu Fondation Cartier

Esposte nella mostra che la Fondation Cartier ha allestito per la celebrazione del suo 30 anniversario, che ha previsto la partecipazione di diversi iconici designer.

Issey Miyake Fondation Cartier
Issey Miyake Fondation Cartier

Tra questi, presente proprio l’installazione luminosa firmata da Issey Miyake in collaborazione con il suo team Reality Lab e prodotta da Artemide, che ha accolto i visitatori partendo dal giardino. Già trattata nel mio blog ora… foto della suddetta installazione!

Issey Miyake Fondation Cartier
Issey Miyake Fondation Cartier

http://in-ei.artemide.com/

http://www.artemide.it/blog/portfolio/30-years-fondation-cartier-pour-lart-contemporain-and-artemide/