Archivi tag: i fratelli Bouroullec

LE URBAN RÊVERIES – I FRATELLI BOUROULLEC

LE URBAN RÊVERIES – I FRATELLI BOUROULLEC

 

Pare non serva una particolare competenza per sognare!


LE URBAN RÊVERIES – I FRATELLI BOUROULLEC

Da sempre legati al design i fratelli BOUROULLEC  con questa mostra si spingono nel disegno dello spazio urbano. Questa è una tra le quattro esposizioni tematiche presentate a Rennes nell’estate 2016.

Le venti rêveries, poggiate su un sistema espositivo fluttuante opportunamente progettato, rappresentano un catalogo di re-invenzione e distorsione di una serie di consueti elementi architettonici e di arredo urbano, declinati in nuove e sorprendenti maniere. Gli spazi sono ideali e vagamente astratti, e replicabili in ambienti e città diverse.

LE URBAN RÊVERIES – I FRATELLI BOUROULLEC

La scala è vagamente spiazzante, ma proporzionata e gli oggetti quasi metafisici sparsi sulla superficie possibile di una città immaginata. “La natura appare come elemento purificato ed essenziale, mentre i colori e le superfici delle architetture si scompongono in una sinfonia di rimandi cangianti e anche gli elementi più imponenti vengono ricondotti alla combinazione di un microcosmo sinergico di singole unità.”

LE URBAN RÊVERIES – I FRATELLI BOUROULLEC

Pergolati, chioschi, torrenti urbani, pensiline e sistemi ombreggianti si srotolano, proponendo un flusso di immagini e situazioni che restano come impressioni nella mente dei visitatori, come flebili interrogativi sulle possibilità di un tipo diverso di città….davvero molto poetico! Soffermatevi a Guardare anche il Video!

http://www.bouroullec.com/

 

 

 

SuperstudioPiù e il VIA Francese

image2

Ecco come il Ministero transalpino sostiene i giovani designer….proprio come da noi qui in Italia!…..

La scuola del futuro prende forma intorno al tablet e agli altri dispositivi digitali. Il salotto come isola domestica, modulato intorno a un paravento e a una serie di elementi mobili. Una lampada che permette di monitorare la qualità dell’aria della stanza in cui si trova, segnalando la concentrazione di anidride carbonica attraverso un effetto sonoro. Una serie di sedute realizzate con materiali diversi, dal legno al feltro.


VIA2014 – foto ©Colombe Clier
VIA2014 – foto ©Colombe Clier

Sono soltanto alcuni dei progetti di giovani designer francesi finanziati dalle Aides à la création 2014 del VIA, organismo sostenuto dal Ministero dell’Industria transalpino che si propone di valorizzare e promuovere, in Francia e all’estero, la creatività e l’innovazione nel campo dell’arredamento. Esistono diverse borse, finanziate direttamente dal VIA oppure trasversalmente, grazie a forme di partenariato con aziende private. La più importante è la Carte blanche, un assegno di ricerca attribuito a un giovane di talento, selezionato da una commissione per l’originalità e la maturità del suo approccio creativo.

VIA2014 – foto ©Colombe Clier
VIA2014 – foto ©Colombe Clier


I diciassette prototipi elaborati grazie al mecenatismo del VIA sono al centro di una mostra al Superstudio più di via Tortona. In accordo con le linee guida del VIA, tutti i progetti propongono innovazioni nell’ambito di materiali, tecniche, processi industriali e pratiche eco-responsabili.

VIA2014 – foto ©Colombe Clier
VIA2014 – foto ©Colombe Clier

La Carte Blanche di quest’anno è stata attribuita a EliumStudio, team parigino formato da cinque designer uniti nel segno del “less is more”. Il progetto presentato, dal titolo “En archipel”, si interroga sull’evoluzione degli spazi destinati all’apprendimento, nei quali l’integrazione di dispositivi digitali diventa fondamentale. L’aula diventa un ecosistema, nel quale i mobili si adattano alle necessità e al tipo di lezione, mentre insegnanti e studenti si spostano all’interno di spazi multifunzionali. Gli elementi di base – tavoli, cuscini, sgabelli – sono estremamente versatili e consentono all’utente, allievo o professore che sia, di adottare la postura che gli è più congeniale.

VIA2014 – foto ©Colombe Clier
VIA2014 – foto ©Colombe Clier


La seconda parte della mostra, “Talents & Economy”, presenta una sessantina di oggetti legati al rapporto tra design e produzione di valore, in oggetti di natura eterogenea. Dai mobili alle lampade, dagli elettrodomestici all’elettronica di consumo, dallo sport ai trasporti, troviamo le opere di alcuni tra i creativi francesi più conosciuti: Jean-Marie Massaud, Inga Sempé, Patrick Norguet, i fratelli Bouroullec.

VIA2014 – foto ©Colombe Clier
VIA2014 – foto ©Colombe Clier

(VIA2014 – foto ©Colombe Clier)

France Design
Superstudio più – Via Tortona 27, Milano
Fino al 13 aprile

 

www.francedesign.eu


www.via.fr