Archivi tag: Fernando Pessoa

Coastal Cirrus Mural

Coastal Cirrus Mural Per ANTHROPOLOGIE

Nuvole… Esse sono tutto, crolli dell’altezza, uniche cose oggi reali fra la nulla terra e il cielo inesistente; brandelli indescrivibili del tedio che loro attribuisco: nebbia condensata in minacce incolori; fiocchi di cotone sporco di un ospedale senza pareti. Nuvole… Sono come me un passaggio figurato tra cielo e terra, in balìa di un impulso invisibile, temporalesche o silenziose, che rallegrano per la bianchezza o rattristano per l’oscurità, finzioni dell’intervallo e del discammino, lontane dal rumore della terra, lontane dal silenzio del cielo. Nuvole… Continuano a passare, continuano ancora a passare, passeranno sempre continuamente, in una sfilza discontinua di matasse opache, come il prolungamento diffuso di un falso cielo disfatto.

Pessoa, daI libro dell’inquietudine di Bernardo Soares (traduzione di M. J. de Lancastre e A. Tabucchi)


Coastal Cirrus Mural Per ANTHROPOLOGIE

Anewall è il lavoro di due sorelle di Vancouver. Progettano vibranti carte da parati e wall art ispirate al loro amore per la campagna francese e per tutto ciò che è vintage. Questo murale incantevole e silenzioso raffigura un soffice annuvolato in blues – color blush. Include sei pannelli adesivi …

Coastal Cirrus Mural Per ANTHROPOLOGIE

Per ANTHROPOLOGIE

https://www.anthropologie.com/shop/coastal-cirrus-mural/

Fiore che non dura

centrotavola "nido pasquale" by arredoeconvivio
centrotavola “nido pasquale” by arredoeconvivio

 

Fiore che non dura 
oltre l’ombra di un attimo
 la tua freschezza
 persiste nel mio pensiero

Non ti ho perduto 
in ciò che sono,
 se pure, o fiore, non ti ho visto mai
 dove io non sono che la terra e il cielo

Fernando Pessoa (Flor che não dura,  da Poesias Inéditas 1956)

 


 

Fernando Pessoa inseguitore del sogno di un sogno: “Ma io non mi sono illuso, neppure di fronte alla consapevolezza, del mio illudermi” scriveva nel Libro dell’inquietudine. Il fiore che non dura ma che persiste nella memoria, nel pensiero è il fossilizzarsi di questa illusione, è la “tenerezza di ciò che non accadde mai”.

 

…e per voi un’idea per un centrotavola pasquale!

Linde Burkhardt


Linde Burkhardt per Driade

Una storia o quattro storie? Quattro nomi o un nome solo?

Fernando, Alvaro, Alberto e Ricardo, ormai si sa, anche se ancora si fatica a crederci,

sono una persona sola: quattro stili diversi di scrittura per i quattro principali eteronimi di Pessoa.

Linde Burkhardt affascinata da questa vicenda tra le più incredibili della letteratura contemporanea

decide di “dipingere”, su quattro tappeti, i ritratti dei “quattro” scrittori.

Li raccorda in unità una palette di colori caldi,

grazie a cui sfumano le differenze e si accentua l’identità.

 

 

Linde Burkhardt per Driade

Linde Burkhardt è artista e designer. Nel corso degli anni i punti chiave del mio lavoro si sono spostati sempre di più. All’inizio la pittura e il disegno sono stati integrati da installazioni che volevano dare allo spazio un ritmo e una struttura. Più tardi sono stata affascinata dalla possibilità di progettare in serie tappeti e moquette. Da fuori è venuto poi il desiderio di progettare ceramiche e durante lo studio di possibili tecniche di lavorazione dell’acciaio si è manifestato un interesse concreto di vedere come si potesse combinare acciaio e ceramica in un unico progetto.

Linde Burkhardt per Driade

Tutti i diversi campi di lavoro sono strettamente collegati e si influenzano l’uno con l’altro. Il lavoro con la ceramica ha come punto di riferimento da una parte oggetti singoli e oggetti per serie piccole e grandi, e dall’altra punta all’uso delle tecniche ceramiche per la realizzazione di installazioni o interventi che rientrano nella sfera artistica.

Linde Burkhardt per Driade

Esperienze precedenti con vetro e acciaio sono alla base dell’accostamento di ceramica e materiali diversi in progetti più complessi.

 

Linde Burkhardt per Driade

http://www.linde-burkhardt.de/

 

www.driade.com

 

Red Ming per Natale____ da Ibride

Nulla è mai come appare____________________

 

Red Ming Ibride

Poesia

Magia del rosso

Emozioni

Sensualità

 

Red Ming Ibride

….Tutto questo ci regalano i designers Rachel & Benoit Convers con Red Ming per la collezione Faux-Semblant, per Ibride.

Red Ming Ibride

Un pezzo meraviglioso… si apre come uno scrigno per rivelare coppe finemente decorate che possono essere utilizzate come pezzi divertenti per una bella serata conviviale.

E quando la festa è finita, conclusa la metamorfosi ritorna al suo design compatto: un vaso in stile rosso Ming____ bellissimo oggetto di arredo adatto per ogni ambiente.

Red Ming Ibride

Adattissimo per Natale basta aprirlo e diventa un servizio composto da 6 pezzi. Ogni contenitore è decorato con motivi magici della terra asiatica, romantico e soave …

Progettato per condividere il cibo con gli amici, ideale per una qualsiasi occasione, cena o buffet.

Realizzato in melamina. Comprende 6 pezzi: 2 ciotole, 2 insalatiere, 1 piatto da portata, 1 pentola con il coperchio. Lavabili in lavastoviglie, ma non per l’uso a microonde. Dimensioni: 38cm altezza in versione chiusa.

 

Red Ming Ibride

colore: rosso-bianco-grey -lucido esterno / interno modelli

materiale: Melamina

 

Red Ming Ibride

 

Sono come una stanza dagli innumerevoli specchi fantastici


che distorcono in riflessi falsi un’unica anteriore realtà


che non è in nessuno ed è in tutti

Fernando Pessoa

 

http://www.ibride.fr/