Archivi tag: design emozionale

Anthropocene – Chiara Scarpitti

Anthropocene – Chiara Scarpitti

 

Antropocene fiori estinti e paesaggi perduti

 


Anthropocene – Chiara Scarpitti

L’Antropocene è un nuovo intervallo temporale geologico post-olocene – un periodo caratterizzato dall’impatto pervasivo delle attività umane sulla terra. Questa parola viene dal greco “anthropos”, che significa uomo e “olocene” utilizzato per l’era attuale geologica, per indicare un nuovo periodo in cui l’umanità trasforma in modo irreversibile i processi naturali fisici, chimici e biologici. La collezione di gioielli porta a una riflessione su questa situazione critica, che rappresenta, con il collage di immagini rare antiche, paesaggi e paesaggi…

Anthropocene – Chiara Scarpitti

Questo suo approccio umanistico e antropologico legato a tecniche digitali, questa ricerca su come l’uomo possa ritrovare sé stesso attraverso la tecnologia, guardando però sempre alle sue radici e al simbolismo della materia e ancora  l’aspetto spirituale che c’è dietro le sue collezioni e il concetto di gioiello inteso come punto di intersezione tra cultura generale, oggetto di design progettato ed espressione  simbolica, sono sicuramente temi che muovono il mio interesse per questa grande e giovane designer.

Anthropocene – Chiara Scarpitti

Interessante sapere che da un po’ di tempo l’arte indaga l’Antropocene. Il termine è stato divulgato nel 2000 dal premio Nobel per la chimica Paul Crutzen, tra i massimi esperti sull’atmosfera e indica l’epoca in cui le attività umane hanno iniziato a plasmare non solo la superficie ma il modo in cui il pianeta funziona.

Anthropocene – Chiara Scarpitti

Nell’antropocene, quindi, ci siamo dentro da un pezzo: ma la coscienza di esserlo sta diventando comune solo da poco. Il tema sta suscitando una forte attrattiva tra artisti e intellettuali. E proprio attraverso l’arte e i progetti culturali sta nascendo una terza via, basata sull’esperienza e sulla “materialità” degli oggetti, che va oltre la specificità del linguaggio ma resta aderente al contenuto del problema.

Anthropocene – Chiara Scarpitti

In mostra a New York…

Poetic Adornments presenta gioielli e sciarpe dell’artista italiana Chiara Scarpitti. Questa emozionante mostra presenta collezioni di opere di Scarpitti degli ultimi sette anni, tra cui il suo più recente, Anthropocene. Ogni pezzo realizzato a mano è il risultato di una ricerca approfondita su temi relativi all’antropologia, alla natura e alla poesia.


http://www.chiarascarpitti.com/category/works/contemporary-jewellery/

Ananbô, Carte da parati panoramiche

Ananbô Carte da parati panoramiche

Viaggio sensoriale tra paesaggi tropicali e profumi orientali

carta da parati tendenza del 2017


Ananbô Carte da parati panoramiche

Nel 2017 possiamo parlare di una moda ispirata alla natura e intenta a ricreare atmosfere bucoliche che stimolano vista e tatto.

Si tratta di un’espressione dei nuovi stili di arredo emozionale: riproduzioni di memorie di viaggio, di immersione nei colori della natura, di foreste giapponesi e tropicali.

Ananbô Carte da parati panoramiche

Così il Bohemian jungle e il Tropical diventano gli stili più ricercati con i loro toni caldi che richiamo la terra e una natura rigogliosa in cui perdersi volentieri… il verde in tutte le sue sfumature è il protagonista indiscusso di un paesaggio suggestivo che abbraccia animali di piccola taglia, elementi floreali e canne di bambù.

Ananbô Carte da parati panoramiche

Per concludere il viaggio sensoriale, basta aggiungere un buon profumatore d’ambiente al sandalo; o al cedro che io preferisco di gran lunga!

Un esempio per ottenere questi angoli di pace è con la carta da parati Ananbô.

Ananbô Carte da parati panoramiche

Ananbô fa rivivere questi meravigliosi paesaggi XVIII interamente dipinta a mano su rotoli di seta e carta chiamato “carte dell’India”. Paesaggio e paesaggi panoramici, piastre grisaille, botaniche e cineserie per creare ambienti di grande raffinatezza. Questi pannelli si trasformano in schermi e testiere, di estrema eleganza. Molte decorazioni di Ananbô sono disponibili in formato cartaceo. In vendita sul sito Ananbô.

Ananbô Carte da parati panoramiche

http://www.ananbo.com/

Ombre Portanti – GumDesign

Ombre Portanti – GumDesign specchi concettuali

La riflessione ed il monolite sono elementi fondamentali per l’uomo, oggetti primari e dei quali temere e/o riconoscersi; la capacità di comprendere la propria immagine è un ulteriore passo evolutivo per l’uomo, determina nuove strade e nuove rappresentazioni della realtà.


Ombre Portanti – GumDesign specchi concettuali


Gli specchi concettuali riescono a riportarci alle origini dei tempi grazie alla loro purezza, la loro riflessione argentea ed il vuoto assoluto. La tipologia di marmo utilizzata è il Nero Assoluto del Belgio, mentre le lastre sono realizzate in Argento Lucidato.

Ombre Portanti – GumDesign specchi concettuali

Ombre Portanti ha fatto parte de La Casa di Pietra che ha ricevuto il premio “Best Communicator Award 2014” insieme a Grassi Pietre e Savema tra gli oltre 1500 stand espositivi provenienti da tutto il mondo da una giuria d’eccezione composta da Giorgio Tartaro, Luca Molinari, Livia Peraldo Matton, Patrizia Pozzi e Marco Romanelli.

Ombre Portanti – GumDesign specchi concettuali

 

Ombre Portanti – GumDesign specchi concettuali

photo
Alessandro Culos / Laura Fiaschi / Debora Nopor

client
MarmoService + DeVecchi / 2014


GumDesign è in mostra dal 15 al 18 settembre 2017 presso

Homi, Fiera Milano

pad 18 stand G20-H19
DAUNOACENTO / quinta edizione
art direction Gumdesign

http://www.gumdesign.it/gum/

LES MARCHES

LES MARCHES Design by Stéphanie Marin, Céleste Boursier-Mougenot per Smarin

 

Divano componibile in poliuretano Design by Stéphanie MarinCéleste Boursier-Mougenot


LES MARCHES Design by Stéphanie Marin, Céleste Boursier-Mougenot per Smarin

Il nuovo progetto di Smarin Les Marches potrebbe essere facilmente scambiato per un insieme di comuni blocchi di cemento grezzo. 

LES MARCHES Design by Stéphanie Marin, Céleste Boursier-Mougenot per Smarin

I vari pezzi sono studiati al fine di restituire infinite composizioni su vari livelli, inoltre la superficie è sorprendentemente morbida al tatto.

LES MARCHES Design by Stéphanie Marin, Céleste Boursier-Mougenot per Smarin

L’istallazione di Les Marches si adatta a qualsiasi ambiente, dalle abitazioni private ai grandi progetti architettonici. Il materiale utilizzato per questi elementi è il poliuretano espanso, riciclabile al 100%, fabbricato con materiali atossici e utilizzabile sia per interno che per esterno. Ogni elemento pesa tra i 10 e i 14 kg.

LES MARCHES Design by Stéphanie Marin, Céleste Boursier-Mougenot per Smarin

 

http://www.smarin.net/en/