Archivi tag: corpi illuminanti

La magia di “BangBoom! Zettel’z”

Ingo Maurer trasforma la luce in arte.

Uno degli ultimi pezzi del 2010 che cattura la mia attenzione è la “BangBoom! Zettel’z”, un lampadario tipicamente creativo e divertente, ispirato al lavoro di Roy Lichtenstein.

Il disegno sperimentale comprende 80 fogli di carta stampata giapponese illustrati dalla mano di Thilo Rothacker. Questi sono sospesi da un filo di maglia di acciaio inox e illuminati da lampade alogene a effetto abbagliante.

Il “BangBoom! Zettel’z” è una nuova versione in edizione limitata dello  “Zettel’z 5”, che conteneva 31 lettere d’amore e, 49 fogli bianchi, come invito per scrivere i propri pensieri .

Con sede a Monaco di Baviera, Ingo Maurer è divenuto l’icona della creazione luminosa nel 1966, l’anno del suo leggendario “Bulb”, la prima lampada da tavolo andata in larga produzione.

Un “pezzo” conviviale unico, che amo e consiglio!

link: www.ingo-maurer.com/news_it.html     link shop: http://www.shopstyle.com/browse/Ingo-Maurer

 

“Molecole di luce”

“Molecole di luce”: come in un mondo surreale luminoso, in movimento e in continua trasformazione………

Le polifunzionali lampade Jack, sono decisamente somiglianti a molecole di gas e possono essere utilizzate come lampade singole, come sgabelli, impilate a formare colonne luminose, per farne base per tavoli oppure possono essere considerate pure opere d’arte. Esse sono diventate un classico del design contemporaneo, un’icona del design. Disponibile anche in nero. Ha vinto il premio seduta, impilabile. Jack, di Tom Dixon, è un oggetto multifunzionale in plastica e utilizza il processo di stampaggio rotazionale.  La filosofia di Tom Dixon è chiara: conciliare l’innovazione tecnologica e materica con la semplificazione del design e con i valori tradizionali degli oggetti in grado di rendere un servizio alla gente. -link: www.tomdixon.net –

Creatore di atmosfere: Ingo Maurer

“ognuno di noi ha un paio di ali… ma solo chi sogna impara a volare… ” (Jim Morrison)

Nella collezione di Ingo Maurer, Lucellino, un “oggetto” con le ali, rappresenta l’essenza della luce: la leggerezza. “La luce” dice “non si può toccare, non ha sostanza, per questo cerco di essere leggero. Offrire sensazioni: questo il mio obiettivo”.

La collezione Lucellino è disponibile nella versione da tavolo o da parete, in vetro, ottone e materiale sintetico con ali realizzate in piume d’oca lavorate a mano.

Un seduttore della luce. Così si definisce il light designer tedesco: Ingo Maurer. Nei primi anni ’60 fonda a Monaco lo studio “Design M” dando il via ai primi progetti di lampade. Tutti all’insegna dell’ironia e della provocazione. Lucellino potrebbe essere tra i dieci oggetti vincitori che saranno consegnati all’eternità, interrati in un parco dentro una capsula di metallo…..

La foto è scattata nella mia camera da letto, io l’ho utilizzata come luce per il comodino, così ogni volta che l’accendo di notte…vedo le piume che si librano nell’aria, leggere, leggere….e mi sento in una fiaba!

www.ingo-maurer.com/news_it.html

“Poesie” di luce a Natale

Icarus

« Solo la poesia ispira poesia »

(Ralph Waldo Emerson)

Molto poetici e romantici, quasi musicali, questi due corpi illuminanti, entrambi di Tord Bontjie per Artecnica. Leggeri e bianchi ….immacolati! Icarus ricorda le aspirazioni umane al volo: quasi un legame tra noi e il mondo celestiale!


Vi riporto quello che racconta Tord Bontjie sulla creazione di Icarus: Attraverso la sperimentazione di taglio della carta per creare una forma tridimensionale di una luce, abbiamo scoperto una struttura con sovrapposizione di forme piuma che sembrava l’ala di un cigno. Abbiamo fatto il modulo a-simmetrico a sottolinearlo e renderlo molto dinamico.
Realizzato in Estruso poliestere  41,9 × 79,4 × 41,9 centimetri 2005 • Progettato per Artecnica

Dedalus– Lampada da tavolo- Realizzato in Estruso poliestere – 2007 • Progettato per Artecnica

In tutta la sua opera, Tord Boontje esplora le giustapposizioni di vecchio e nuovo, naturalismo e tecnologia. Nato in Olanda nel 1968, ha studiato design industriale presso l’Eindhoven Design Academy prima di iscriversi al Royal College of Art di Londra.
Tord ha sviluppato una estetica romantica e poetica, che raffigura la natura abbinata a un gusto per colori brillanti.

Artecnica, invece, è una società di Los Angeles design based che collabora con i più affermati ed emergenti designer internazionali per creare oggetti decorativi per ispirare l’ambiente di vita, e ci riesce molto bene!

link: www.artecnicainc.com/  ;  www.tordboontje.com/

Colazione di Natale con Eero Saarinen

Una colazione di Natale organizzata intorno ad un tavolo tondo con sedie di Eero Saarinen , qui accostati ad un lampadario Midsummer ormai del 2004 di Tord Boontje e Designed per Artecnica. Designer olandese ben noto agli addetti ai lavori e agli appassionanti di design ed arredamento in genere, la cui filosofia si concentra in poche parole: “moderno non significa minimale, contemporaneo senza dimenticare il passato, tecnologico senza abbandonare i sensi e le emozioni”. Più che una tendenza, quella dell’avvicinamento tra arti decorative e design è un vero e proprio dato di fatto.
E allora può succedere che ricami preziosi siano tessuti con il laser, che materiali industriali o riciclati reinventino classici oggetti d’arredamento. Il tutto attraverso la ricerca di strumenti inediti e un abile lavoro manuale.
E’ così che alcuni designer diventano capofila di un nuovo percorso, che mira a creare oggetti unici e moderni, tra tecnologia e tradizione.

Invece, Eero Saarinen è figlio del famoso architetto finlandese ed è stato il primo presidente della “Crembruk Academy of arts” Eliel Saarinen .
Dopo aver studiato scultura a Parigi studia architettura a Yale, dove si diploma nel 1934.
Nel 1937 inizia una collaborazione con Charles Eames che lo conduce a sviluppare una serie di mobili molto avanguardisti premiati varie volte al concorso “Organic design in home furnishings” organizzato dal “Museum of Modern Art” di New York. Al pari dello stesso Eames si dedicò alla ricerca di nuove tecnologie nell’uso dei materiali, in particolare nello stampaggio del fiberglass.
Disegnerà, piu’ avanti, mobili di grande successo per “Knoll International”.

Per chi vuole vedere il suo splendido sito: http://tordboontje.com/ e su Saarinen: www.bauhausreedition.com/designer-it-Eero_Saarinen-man-4.htm

“Some of us”

“Nel 1994  ho creato a New York un’ attività per realizzare vasi ed oggetti con resine poliuretaniche, sviluppando nel corso di anni di duro lavoro e sperimentazione continua uno specifico know how e un originale approccio alla materia.

Oggi l’esperienza e la sperimentazione legata all’uso di questi materiali continua con Meritalia, con cui ormai ho una lunga storia di proficua collaborazione; inizio quest’anno a proporre sul mercato una collezione di lampade. Queste, principalmente realizzate in resina poliuretanica, si presentano secondo quattro tipologie: da tavolo, da muro, sospese e da terra.

Questa che vi propongo oggi si chiama “Some of us” . Un design ironico, colorato, gioioso che sa indagare la forza emotiva e tattile dei materiali. Lontanissimo dalla maschile, monocromatica, rigida razionalità. link: www.gaetanopesce.com www.meritalia.it