Archivi tag: corpi illuminanti

Filo di Foscarini

 

Filo di Foscarini Andrea Anastasio

Giocosa e ironica, questa lampada strizza l’occhio al mondo dei bijoux e si trasforma in un oggetto d’arte che indossa un monile. Un ibrido perfetto per dare nuova luce alla casa.

La lampada disegnata da Andrea Anastasio è stata premiata con il Salone del Mobile. Milano Award nella categoria “miglior prodotto Euroluce”

Filo di Foscarini Andrea Anastasio

Ogni parte della lampada ha un suo carattere ben definito che la rende un pezzo davvero speciale. Soprattutto il filo, che decorato da sfere e bulbi di vetro ricorda una collana preziosa.

Il paralume in porcellana a forma di cono proietta la luce sul filo elettrico decorato da sfere e bulbi di vetro colorato e si appende al gancio dello stelo in metallo. E’ disponibile nella versione da tavolo, da terra, parete e sospensione.

Filo di Foscarini Andrea Anastasio

Andrea Anastasio, filosofo poi designer grazie a un incontro casuale con Ettore Sottsass. Il suo è uno stile lieve, inaspettato, contaminato dal continuo filosofeggiare tra arte e funzione, poesia e immaginazione.

 

http://www.foscarini.com/

Floating Cloud

Floating Cloud Richard Clarkson

Delle nuvole bianche formano un castello 

Laghi trasparenti, prati felici fonti canterine dall’intenso verde smeraldo 

Nei suoi saloni pieni di luci dimorano antichi dei 

Sempre di sera quando il sole purpureo tramonta risplendono i suoi giardini

il mio cuore trema che miracolo e lungo…mi fermo 

Arno Holz Phantasus

 

Floating Cloud Richard Clarkson

Affascinato dalla forma e dal comportamento delle nuvole, il designer di New York Richard Clarkson ha creato Floating Cloud: una lampada dalla forma fedele a una nuvola, che fluttua a circa 7cm dalla base, grazie a un sistema di magneti ed elettromagneti.

Floating Cloud Richard Clarkson

La lampada reagisce ai suoni circostanti illuminandosi mediante un sistema di LED reattivo ai suoni, e si muove se viene toccata. La Floating Cloud ha anche le stesse luci LED reattive del suono come i nostri altri prodotti cloud interattivi.

https://www.richardclarkson.com/float

 

Banana Lamp – Studio Job

Banana Lamp – Studio Job per Seletti

Simbolo della creatività inesauribile di Job Smeets e Nynke Tynagel, è un esempio di un design prezioso e visionario, ma allo stesso tempo democraticamente accessibile a un pubblico più ampio. Banana Lamp è realizzata in resina e vetro.

Banana Lamp – Studio Job per Seletti

Ecco la Banana Lamp di Seletti a illuminare le nostre tavole estive. Il brand di design più irriverente di sempre ha fatto coppia con la coppia di creativi belgi Studio Job e ha realizzato una versione più accessibile (230 euro circa) di un pezzo da collezione presentato da Job Smeets e Nynke Tynagel qualche anno fa.

Banana Lamp – Studio Job per Seletti

Ma le caratteristiche rimangono quelle: tre versioni (diverse a seconda dell’inclinazione) e una doratura pop sulla superficie della “buccia”.

Banana Lamp – Studio Job per Seletti

https://www.seletti.it/product-category/lighting/banana-lamp/

Lamoi di Sforzin

Lamoi di Sforzin

L’ultima novità di Sforzin è la seria di lampade a sospensione di design Lamoi, nuvole di punti luce, leggere ma voluminose. Reinterpretazione di uno stile classico attraverso l’uso della moderna tecnologia LED e una ricerca estetica innovativa. Lamoi, Mrs. Moi, Lady Moi sono frutto di un lavoro a quattro mani.

Lamoi di Sforzin

Dalla firma del designer Andrea Barra è nata così una collezione di lampade a sospensione, lampade da terra e plafoniere e lampade che trattano il tema della luce come vera protagonista del design.

Lamoi di Sforzin

Tutti i lampadari moderni sono infatti caratterizzati dalla presenza di un sottile telaio matallico, quasi invisibile, al quale sono fissati i puntini luminosi, elemento essenziale dell’idea progettuale. 

Lamoi di Sforzin

Disponibile in due finiture, rame e cromo, la struttura in metallo, più leggera e tondeggiante in Lamoi, e a campana aperta e chiusa in Mrs. Moi e Lady Moi, garantisce una disposizione uniforme dei numerosi elementi LED offrendo un’illuminazione ottimale per ogni stanza.

Lamoi di Sforzin

www.sforzinilluminazione.com/

 

 

THE OTHERS, Stephen Burks firma le lanterne per Dedon

THE OTHERS, Stephen Burks per Dedon

Tutti noi dobbiamo tenere a mente che siamo venuti da un posto diverso in qualche punto della nostra storia” riflette Burks. “C’è stato un tempo in cui siamo stati l’altro’. Spero che, a prescindere dalle nostre differenze culturali, si riesca prima o poi ad imparare ad accettarsi reciprocamente e a convivere con empatia, intelligenza e anche senso dell’umorismo!


THE OTHERS, Stephen Burks per Dedon

Al Salone del Mobile Dedon ha presentato THE OTHERS, una nuova collezione di lanterne antropomorfiche, vivaci, colorate, scultoree. La collezione comprende varie declinazioni di prodotti intrecciati a mano che, sia che vengano presentati singolarmente o disposti a totem, uno sopra l’altro, assumono l’aspetto di figure illuminate. È possibile aggiungervi degli occhi acrilici anch’essi realizzati a mano che ricambiano lo sguardo dell’osservatore con ironia.  Concepita da Stephen Burks, designer americano il cui lavoro spesso utilizza l’intervento dell’artigiano, la collezione THE OTHERS è nata come esplorazione del design figurativo astratto. “Ho immaginato una variopinta comunità di sognatori, dalla personalità decisa, che contemplano il resto del mondo con un senso di ambizione, sofisticatezza e orgoglio. Mi sono apparsi quasi come ambasciatori o guide del mondo della nostra immaginazione.

THE OTHERS, Stephen Burks per Dedon

DEDON, già partner di Burks con le collezioni DALA AHNDA, è rimasta così affascinata da questo progetto che si è proposta subito di produrre THE OTHERS. “Il mio rapporto con DEDON mi concede la libertà di esplorare un’idea che va ben oltre i dettami tradizionali,” spiega Burks “ed è questo che secondo me rende quest’azienda così iconica.

THE OTHERS, Stephen Burks per Dedon

La varietà dei materiali usati per la collezione rispecchia l’interesse continuo che Burks (e con lui DEDON) nutre per artigianato e design. Gli occhi acrilici, sono realizzati a mosaico e fatti a mano in Germania, le basi in marmo sono fresate in Italia e i corpi di THE OTHERS sono intrecciati dai maestri tessitori di DEDON nelle Filippine. “Volevamo che formassero una specie di famiglia,” dice Burks, “e quindi sebbene presentino un intreccio simile, ognuno è diverso dall’altro.” 

THE OTHERS, Stephen Burks per Dedon

Collezione al tempo stesso funzionale e divertente, THE OTHERS porta un tocco di colore, diversità ad ogni allestimento. Sia che vengano utilizzate come lanterne singole, come totem o come famiglie di totem, sono particolarmente suggestive se accostate ad altre collezioni DEDON come AHNDA, TIBBO, DEAN, SeaX e WA. Ma al di là dell’aspetto malizioso e allegro, THE OTHERS trasmette anche un messaggio molto importante. (vedi sotto titolo iniziale)

THE OTHERS, Stephen Burks per Dedon

https://www.dedon.de/

Tuareg di Ferruccio Laviani quasi una installazione di Land Art

Tuareg di Ferruccio Laviani per Foscarini

Più che una lampada da terra Tuareg ricorda un’installazione artistica. Come una vera scultura si erge con forza all’interno degli spazi dando carattere a tutto ciò che le si trova intorno.


Tuareg di Ferruccio Laviani per Foscarini

Una lampada dalla decisa presenza scultorea, che si staglia nello spazio con una forte valenza totemica. Tuareg, il nuovo progetto firmato da Ferruccio Laviani per Foscarini, si compone di elementi tubolari semplici ed essenziali che, variamente orientati, creano una struttura dal carattere affine ad un’installazione artistica. Il riferimento al mondo dell’arte contemporanea spicca tra le fonti d’ispirazione di Laviani, che spazia dalla suggestione degli interventi di land art alle architetture realizzate dalla mano dell’uomo, e si coniuga con l’anima profondamente industriale della lampada.

Tuareg di Ferruccio Laviani per Foscarini

La struttura, progettata dal designer Ferruccio Laviani, è composta da un sostegno principale di tre elementi tubolari da cui dipartono una serie di diramazioni che racchiudono la fonte luminosa a Led. Ogni piccolo tubolare luminoso ha l’accensione separata e la possibilità di orientarsi a 320 gradi in modo da creare molteplici effetti luminosi e svariate destinazioni d’uso.

http://www.foscarini.com/