Archivi tag: Clouds

Clouds: Jeremy Maxwell Wintrebert

Gallery Fumi London Design 2014 Jeremy Maxwell Wintrebert
Gallery Fumi London Design 2014 Jeremy Maxwell Wintrebert

Le luci a sospensione Clouds disegnate e realizzate a mano dal designer francese: Jeremy Maxwell Wintrebert ricordano movimento e morfologia delle nuvole. In mostra presso la Gallery Fumi, nel Shoreditch Design Triangle.



Gallery Fumi London Design 2014 Jeremy Maxwell Wintrebert
Gallery Fumi London Design 2014 Jeremy Maxwell Wintrebert

Gallery Fumi, 16 Hoxton Square, London Design Festival 2014: dal 13 al 22 settembre dal 22 settembre al 31 ottobre solo su appuntamento.

Photo: Lea Anouchinsky

Gallery Fumi London Design 2014 Jeremy Maxwell Wintrebert
Gallery Fumi London Design 2014 Jeremy Maxwell Wintrebert

“Il vetro al tempo stesso riflette e rifrange la luce e attraverso differenti tecniche queste qualità possono essere potenziate”, ha detto Wintrebert. “Frank Lloyd Wright faceva ricorso al vetro come luce materializzata. Mi piace pensare ad esso come luce liquida.” I suoi articoli in esposizione presso la Galleria Fumi, situato sulla Hoxton Square a Shoreditch, comprendono una serie di luci semitrasparenti a sospensione a forma di bulbo chiamate Clouds.

Gallery-Fumi-at-London-Design-Festival
Gallery Fumi London Design 2014 Jeremy Maxwell Wintrebert

Glass by Jeremy Wintrebert | London Design Festival – 13 September – 21 September 2014 dal 13 al 22 settembre dal 22 settembre al 31 ottobre solo su appuntamento.

http://www.galleryfumi.com/

At the time of the clouds

 

"How Its Made" Rain © Nemanja Pesic
“How Its Made” Rain © Nemanja Pesic

L’ispirazione:

“Le nubi, in tutte le loro straordinarie forme, non fanno paura a chi le conosce: quelle più pericolose purtroppo non nascono dal cielo.”

Dalla Prefazione di Fabio Fazio

Cloud by Makoto Tanijiri
Cloud by Makoto Tanijiri

“Pregiudizi atmosferici, stereotipi climatici, cieli scientifici e letterari. Un libro che fa chiarezza su uno dei temi più amati ma meno conosciuti dal grande pubblico.
Cosa sono le nuvole? Forse è più interessante chiedersi cosa ci porta a guardarle, mentre passano sulle nostre teste, correndo chissà dove. A volte le fissiamo cercando una forma nascosta, perché speriamo in un segno, oppure le scrutiamo preoccupati che ci guastino una domenica fuori porta. Che sia per gusto o per necessità, non riusciamo a fare a meno di interrogarle, di metterle nei nostri pensieri. Sarà per questo, che ci accompagnano sempre: affiorano nei disegni dei bambini, nelle poesie degli adolescenti, nei sogni a occhi aperti degli adulti. Poco importa che siano fatte d’acqua o di immaginazione: il loro peso non cambia. Passano sulle nostre vite gettando ombre, aprendo squarci di luce, portando piogge che di volta in volta si rivelano catastrofiche o provvidenziali. Non siamo semplici spettatori della loro corsa, perché il nostro destino dipende dalle loro rotte, dal loro colore. Ecco perché dobbiamo imparare a decifrarle, a comprenderne il linguaggio. E per farlo dobbiamo rivolgerci alla meteorologia, perché dalle nuvole ha appreso il senso della mutevolezza: cercare conferme accettando gli imprevisti e attraversare il nostro tempo provando a intuirne i cambiamenti. E’ questa la filosofia delle nuvole di cui parla Luca Mercalli: non una dottrina, ma un’attitudine. Un invito ad osservare, a restare in ascolto, a coltivare il dubbio e a non rinunciare mai al proprio diritto di sdraiarsi a guardare il cielo.

Perché avere la testa fra le nuvole non è sempre un difetto”.

Luca Mercalli Filosofia delle nuvole-Testo di presentazione tratto dal sito della Casa Editrice Rizzoli

Trust by Ayala Serfaty for Aqua Creations
Trust by Ayala Serfaty for Aqua Creations

Installazioni, design arte e fotografia…tutte sotto il tema delle nuvole…alcuni pezzi di design sono già stati trattati nel mio blog altri ancora no…oggi solo un po’ di immagini….e fantasia!

 

Umbrella Cloud by Adam Parker Smith
Umbrella Cloud by Adam Parker Smith

 

Con i suoi volumi molecolari a specchio, in nickel placcato in alluminio, la sontuosa e spettacolare Cloud Chair di Richard Hutten presentata al Salone del Mobile 2009.

La scultorea sedia progettata nei primi mesi del 2007, è stata lanciata in anteprima nella mostra Reflections, e prodotta alla fine del 2008 dalla stessa Galleria svizzera Ormond Editions di Ginevra in edizione limitata firmata e numerata.

Cloud Chair by Richard Hutten
Cloud Chair by Richard Hutten

Per la collezione Me Too, Magis ha proposto Clouds e Birds, due opere di Benedetta Mori Ubaldini, un’artista che crea meravigliose sculture con reti di metallo, senza nessuna struttura interna. In questo modo, «il gioco fra presenza e assenza diventa l’elemento poetico».… trasforma un materiale normalmente nascosto, modesto, in creature fiabesche…. Il suo mondo interiore….

Benedetta Mori Ubaldini per Magis
Benedetta Mori Ubaldini per Magis

Le Nuage è una luce sospesa che assomiglia ad una nuvola. Realizzata in ovatta di poliestere, ogni luce è unica.

‘LE NUAGE’: THE CLOUD BY WOUT WESSEMIUS
‘LE NUAGE’: THE CLOUD BY WOUT WESSEMIUS

Eterea, soffice, confortevole, lieve e fluttuante, Cloud Sofa sembra proprio che abbia come scopo quello di farci vivere un’esperienza extrasensoriale facendoci vivere l’emozione di riposare sollevati da terra come se stessimo su una nuvola! Elegante concetto creato dal designer DK Wei per il relax.. Funziona attraverso un campo magnetico creato dalla base. Purtroppo attualmente si tratta di un’esperienza ancora non sperimentabile… http://arredoeconvivio.com/arredo-e-design/vivo-sospesa/

Cloud Sofa, a concept design by D.K. Wei
Cloud Sofa, a concept design by D.K. Wei

Clouds costituisce un ulteriore sviluppo di North Tiles, sviluppato a Stoccolma nel 2006 da Ronan e Erwan Bourroullec per gli showroom Kvadrat. ”Quando abbiamo ricevuto l’incarico per Kvadrat, volevamo creare un design che fosse morbido e al tempo stesso accogliente. Il nostro obiettivo era anche quello di creare una soluzione talmente semplice, ma ben studiata che non richiedesse il costoso impiego di operai e che potesse essere montata da chiunque e senza bisogno di essere lucidata, regolata e trattata successivamente”, racconta Ronan Bouroullec. http://arredoeconvivio.com/arredo-e-design/clouds-di-kvadrat-ronan-bouroullec-erwan-bouroullec/

Clouds di R. & E. Bouroullec per Ligne Roset
Clouds di R. & E. Bouroullec per Ligne Roset

FRACTAL CLOUD di ARIK LEVY costituita da più di un migliaio di tubi luminosi. Artista, tecnico, fotografo, designer, regista, Levy competenze sono multi-disciplinare e il suo lavoro può essere visto in prestigiose gallerie e musei in tutto il mondo.

FRACTAL CLOUD MODERN LIGHTING DESIGN BY ARIK LEVY
FRACTAL CLOUD MODERN LIGHTING DESIGN BY ARIK LEVY

Mamacloud Belux di Frank O. Gehry Grazie alle molteplici composizioni, MAMACLOUD è una vera e propria scultura luminosa, plasmabile e leggera. Il materiale fonoassorbente è una membrana di poliestere lavorato per durare nel tempo, lavabile, anti-strappo e difficilmente infiammabile.

http://arredoeconvivio.com/arredo-e-design/mamacloud-una-lampada-per-sognare/

Mamacloud Belux di Frank O. Gehry
Mamacloud Belux di Frank O. Gehry

mobileshadows Smarin un’installazione di ombre mobili in lino o in seta, come le nuvole nella luce. Quasi una scenografia teatrale….molto suggestiva ed evocativa……

http://arredoeconvivio.com/arredo-e-design/mobileshadows-luce-tra-le-nuvole/

mobileshadows Smarin
mobileshadows Smarin

Le Cloud softlight, di MoloDesign, capaci di creare un morbido e ondulato gioco di forme luminose. Un gruppo di nuvole di varie dimensioni creano un paesaggio unico, su misura per lo spazio individuale nel quale si plasma. Prendendo ispirazione dalle meravigliose costruzioni mobili di Alexander Calder, le nuvole luminose possono rimanere sospese, o mettersi in movimento con una spinta leggera data da una corrente d’aria.

Paper music__ anteprima Salone 2012 molo design

 

Cloud Softlight by Molo Design
Cloud Softlight by Molo Design

 

L’uomo libero è come una nuvola bianca. Una nuvola bianca è un mistero; si lascia trasportare dal vento, non resiste, non lotta, e si libra al di sopra di ogni cosa. Tutte le dimensioni e tutte le direzioni le appartengono. Le nuvole bianche non hanno una provenienza precisa e non hanno una meta; il loro semplice essere in questo momento è perfezione. (Osho Rajneesh)

Clouds di Kvadrat Ronan Bouroullec, Erwan Bouroullec

Clouds di Kvadrat Ronan Bouroullec, Erwan Bouroullec

Kvadrat è conosciuta come azienda tessile d’avanguardia. Clouds e’ un’innovazione assoluta per l’arredamento degli ambienti. Una nuova tipologia sviluppata dai fratelli Ronan e Erwan Bourroullec.

Clouds di Kvadrat Ronan Bouroullec, Erwan Bouroullec

Il ritorno dei tessuti Anders Byriel, amministratore delegato di Kvadrat, racconta che i tessuti morbidi tornano a essere utilizzati negli spazi pubblici e nelle case private. ”Da qualche anno c’è stata una tendenza a usare sempre meno i tessuti. Le tende sono sparite cosi’ come con i tappeti, e perfino le sedie sono ora provviste di sedute e schienali intrecciati; tutto l’arredamento si basa su vetro, calcestruzzo, pietra e legno: tutti materiali bellissimi, ma anche molto duri. La tendenza, tuttavia, sta cambiando, e sempre piu’ persone si accorgono del fatto che i materiali morbidi non sono solamente confortevoli ma hanno anche una bellezza estetica e grande impatto sui suoni e sui rumori delle nostre stanze. Negli ultimi anni, abbiamo capito quanto sia importante il livello di rumorosità per il nostro benessere nella vita quotidiana”, afferma Anders Byriel.

Clouds di Kvadrat Ronan Bouroullec, Erwan Bouroullec
Clouds di Kvadrat Ronan Bouroullec, Erwan Bouroullec
Clouds di Kvadrat Ronan Bouroullec, Erwan Bouroullec

Clouds costituisce un ulteriore sviluppo di North Tiles, sviluppato a Stoccolma nel 2006 da Ronan e Erwan Bourroullec per gli showroom Kvadrat. Lo scopo era quello di creare uno showroom in cui esporre i tessuti Kvadrat, e dove essi diventassero parte della stanza. Oggi North Tiles è famoso per la sua innovazione e per il particolare sistema a click, del quale è dotato anche Clouds che, con la sua struttura più semplice e di minori materiali, è stato realizzato per il mercato al dettaglio. ”Quando saltuariamente sfoglio qualche rivista di design e di architettura, mi spavento spesso alla vista di tutte quelle stanze fredde”, dice Ronan Bouroullec. ”Quando abbiamo ricevuto l’incarico per Kvadrat, volevamo creare un design che fosse morbido e al tempo stesso accogliente. Il nostro obiettivo era anche quello di creare una soluzione talmente semplice, ma ben studiata che non richiedesse il costoso impiego di operai e che potesse essere montata da chiunque e senza bisogno di essere lucidata, regolata e trattata successivamente”, racconta Ronan Bouroullec.

Clouds di Kvadrat Ronan Bouroullec, Erwan Bouroullec

Design democratico e personalizzato, Clouds è un sistema semplice e veloce per avere materiali morbidi nelle nostre sale, con la superficie esatta e il colore desiderato. “Il punto di Nuvole è che non dobbiamo sostituire tutte le cose che sono già nelle nostre case. Clouds è un elemento in più e nuovo che offre l’opportunità di design personalizzato in cui gli individui sono i progettisti, gli architetti e gli operai. L’ingegnoso sistema a scatto, combinato con un paio di semplici viti e stringhe rende possibile creare qualsiasi cosa, da un muro ad una figura specifica per soddisfare il proprio gusto. Clouds consente a tutti gli usi immaginabili, in quanto può essere appeso alle pareti o al soffitto, posto sul pavimento o aggiungere vivacità colorata alle ringhiere e alle scale. In altre parole, Clouds rappresenta una nuova tipologia, o una nuova interpretazione dell’uso dei tessuti “, conclude Anders Byriel.

Clouds di Kvadrat Ronan Bouroullec, Erwan Bouroullec

Esiste in sette diverse combinazioni di colori tra cui scegliere che possono essere combinate in innumerevoli modi. Clouds è venduto in confezioni da 8 o 24 pezzi, quindi è sempre facile cambiare una figura, fare un muro più alto o creare due nuvole invece di uno… come sistema modulare permette la massima flessibilità.

Clouds di Kvadrat Ronan Bouroullec, Erwan Bouroullec

Photographs by Paul Tahon and Ronan & Erwan Bouroullec.

http://www.bouroullec.com/

 

www.kvadratclouds.com

Clouds: Rita Baek

«il vuoto andrò stringendo

finché forse

colga il mio tocco magico diamanti»

e ancora «v’intreccerò in collane luminose».

Emily Dickinson

Clouds: Rita Baek


Un’immagine DIAFANA….seducente….

Clouds: Rita Baek

Una combinazione di elementi geometrici, creano questi gioielli capaci di catturare la luce e dare delle suggestioni.

I materiali ispirano le forme.

Clouds: Rita Baek

Jahyun Rita Baek amplifica le bellezze naturali dei materiali…. pezzi  espressivi che non solo eccitano i sensi, ma sono indossabili.

Clouds: Rita Baek

I materiali della serie Clouds e Soft Gem sono: plexiglass e metallo.

 

Clouds: Rita Baek

Jahyun Rita Baek è un’artista coreana, con sede a Londra. Si è laureata a Rhode Island School of Design negli Stati Uniti, dopo che ha fatto il suo Master presso il Royal College of Art nel Regno Unito.

Clouds: Rita Baek

Ha partecipato a diverse mostre in città come New York, Londra, Amburgo e Firenze e ha ricevuto l’Artigianato e Design assegnazione del premio d’oro nel 2008.

 

Clouds: Rita Baek

Il bianco non è un colore asettico, è quello dell’infinito…. un infinito pieno di energia.

…E ancora nei versi di Emily Dickinson…troviamo il suo significato più profondo…

 «osi guardare l’anima al color bianco?»

e contrappone il bianco al rosso,

colore della fiamma che brucia e si dissolve,

«ma quando il vivace metallo

ha saziato la fiamma

palpitando dalla forgia

si leva senza colore:

solo luce

vampa non sacra».

Il bianco è energia pura, luce che “ripudia le forge”.

 

Clouds: Rita Baek

http://www.ritabaek.com/

Clouds: Rita Baek