Archivi tag: Buon anno

Buon 2016!

Schermata 2015-12-30 alle 17.31.08

Chi mai può determinare dove finisce il vecchio e comincia il nuovo? È un evento grande o piccolo. Qualcosa che sicuramente ci cambia e che ci dà speranza. Un nuovo modo di vivere e di vedere il mondo, liberarsi delle vecchie abitudini, dei vecchi ricordi. La cosa importante è non smettere mai di credere che si può sempre ricominciare… Per me questo sarà un pò l’anno 0 …

Buon Anno a Tutti!

LA FINE NASCONDE SEMPRE UN NUOVO INIZIO

LA FINE NASCONDE SEMPRE UN NUOVO INIZIO

BUON ANNO A TUTTI VOI!!!!!!!

© Tim Walker

Già dal 2009 Scarlet Johansson è il volto di Moet & Chandon.

© Tim Walker

Queste sono le immagini della campagna realizzata per il 2011 dal fotografo Tim Walker, nelle quali l’attrice posa in abiti da sera stringendo tra le mani una bottiglia del celebre champagne.

© Tim Walker

Le foto sono state scattate a Trianon splendida residenza fatta costruire da Jean-Rémy Moët tra il 1805 ed il 1817 nella Tenuta Moët & Chandon a Epernay, in Francia.

© Tim Walker

Per tutto il 2011, ho sempre sostenuto l’idea che uno dei problemi che ci rovinano la vita sia l’accumularsi di complicazioni inutili. In un periodo di transizione complessa, come quello in cui stiamo vivendo, questo fenomeno assume una particolare intensità.

C’è un grande bisogno di semplicità e sembra che, un po’ per volta, questa percezione stia cominciando a diffondersi.

La semplicità non è solo una conquista intellettuale, è anche un’emozione. Scoprire la chiave semplice di un problema apparentemente complesso ha un intenso valore estetico. Ci dà una chiara e inconfondibile percezione di bellezza e armonia…

quindi un augurio sincero di ritrovare nell’etica e nell’amore la vera ricchezza…..

Vi lascio delle Riflessioni…che condivido pienamente….

Riflessioni di Antonio Gramsci

Ogni mattino, quando mi risveglio ancora sotto la cappa del cielo,

sento che per me è capodanno.

Perciò odio questi capodanni a scadenza fissa

che fanno della vita e dello spirito umano un’azienda commerciale

col suo bravo consuntivo,

e il suo bilancio e il preventivo per la nuova gestione.

Essi fanno perdere il senso della continuità della vita e dello spirito.

Si finisce per credere sul serio

che tra anno e anno ci sia una soluzione di continuità

e che incominci una novella istoria,

e si fanno propositi e ci si pente degli spropositi, ecc. ecc.

Perciò odio il capodanno.

Voglio che ogni mattino sia per me un capodanno.

Ogni giorno voglio fare i conti con me stesso,

e rinnovarmi ogni giorno.

Nessun giorno preventivato per il riposo.

Le soste me le scelgo da me,

quando mi sento ubriaco di vita intensa

e voglio fare un tuffo nell’animalità

per ritrarne nuovo vigore.

Nessun travestimmo spirituale.

Ogni ora della mia vita vorrei fosse nuova,

pur riallacciandosi a quelle trascorse.

Nessun giorno di tripudio a rime obbligate collettive,

da spartire con tutti gli estranei che non mi interessano ….

1 gennaio 1916, articolo di Antonio Gramsi su l’Avanti.