Archivi tag: Nel Mondo dell’ARTE

ANOTHERVIEW N.6 – Les Chevaux du Pont de Gau

ANOTHERVIEW N.6 – Les Chevaux du Pont de Gau – Luxury edition  –  Team: Marco Tabasso Robert Andriessen Tatiana Uzlova Galleria Rossana Orlandi

ANOTHERVIEW è un progetto in corso che si svolge tra interior design e video arte. Trasforma la tua casa in un luogo nomade, dove la finestra virtuale porta a paesaggi o città inaspettati per adattarsi comunque a come ti senti.


ANOTHERVIEW N.6 – Les Chevaux du Pont de Gau – Luxury edition  –  Team: Marco Tabasso Robert Andriessen Tatiana Uzlova Galleria Rossana Orlandi

Il team di ANOTHERVIEW raccoglie costantemente nuove ed esclusive vedute in tutto il mondo. In un certo senso ogni vista racconta una storia unica del nostro tempo, delle persone, della società e del mondo.

Il risultato finale di ogni ANOTHERVIEW è una finestra iperrealista che può essere installata in qualsiasi parete o tipo di stanza, con o senza finestre, che diventerà parte integrante del tuo interno. Una volta impostato l’ora del giorno, la visualizzazione della finestra verrà eseguita per 24 ore ininterrotte in base all’ora del giorno dell’utente, senza bisogno di altri interventi, proprio come in una finestra reale.

Ogni finestra ANOTHERVIEW viene fornita con un’app ANOTHERVIEW e un codice esclusivo per accedere facilmente al dispositivo con uno smartphone e per regolare l’ora desiderata.

Questa speciale edizione trittica di Anotherview No.6 Les Chevaux du Pont de Gau è stata presentata per la prima volta nel cortile della galleria Rossana Orlandi durante il Salone del Mobile 2018 a Milano.

L’installazione è composta da tre singole finestre da 65 “che riproducono un video 24 ore registrato in 6k nel Domaine de Maguelonne, Camargue, il 30 luglio 2017.

Ciò è stato possibile grazie ai nuovi sviluppi della nostra esclusiva anotherview App che ora ci consente di sincronizzare più finestre insieme per formare un’unica vista.

Il trittico di Windows è disponibile in un’edizione di 5 + 3. AP e 1 Prototype ed è un’esclusiva della Galleria Rossana Orlandi.


Marco Tabasso
Marco@anotherview.watch

Robert Andriessen
Robert@anotherview.watch

Tatiana Uzlova
Tati@anotherview.watch


http://shop.rossanaorlandi.com/

https://www.anotherview.watch/les-chevaux-du-pont-de-gau

 

 

Knit One Share One, il mondo di lana di Jacqui Fink 

Knit One Share One, il mondo di lana di Jacqui Fink 

 

Knit One Share One, rende omaggio al lavoro a maglia ed è anche il mio desiderio di condividere la mia forma un po ‘pazza e concettuale di lavorare la maglia; K1S1 è un lussuoso filato per maglieria completamente infeltrito specificamente progettato per uso tessile, in colori molto naturali.” Jacqui Fink 


Knit One Share One, il mondo di lana di Jacqui Fink 

Jacqui Fink è un’artista appassionata di lavoro a maglia, del quale ha fatto una vera forma d’arte innovativa e assolutamente “estrema”, come ama definirla lei, nel lavoro di Jacqui il ruolo principale è affidato a grandi matasse di lana pregiata, soffice e dalle nuances sempre naturali: lana merino e  cashmere, che l’artista intreccia utilizzando grandi ferri da maglia fatti realizzare appositamente da lei per poter dare vita a coperte dagli enormi intrecci, ma anche arazzi e elementi di arredo, dei quali anche la casa dell’artista è colma. Sono vere e proprie installazioni artistiche fatte a mano con la lana, spettacolari.

Knit One Share One, il mondo di lana di Jacqui Fink 

Il progetto di Jacqui Fink si chiama K1S1, che significa Knit One Share One e come lei stessa ha spiegato si tratta di un filato particolarissimo dalle grandi dimensioni e lavorato tecnologicamente per dare un effetto unico: la prima gamma con il marchio Little Dandelion di filati per maglieria estremae il suo mondo di lana

Knit One Share One, il mondo di lana di Jacqui Fink 

Jacqui Fink realizza coperte e arazzi, complementi d’arredo in lana completamente fatti a mano, ogni pezzo è assolutamente unico, e può donare alla casa un tocco sofisticato e artistico di grande effetto. Tutti i lavori di maglieria fatti a mano dall’artista sono in vendita sullo store online di Jacqui.

Knit One Share One, il mondo di lana di Jacqui Fink 

https://www.littledandelion.com/

MORGAN SHIMELD e le sue sculture tridimensionali

MORGAN SHIMELD – Horizon red, orange, yellow, 2011 Mild steel, powder coated, 4 pieces. 42 x 180 x 12cm – variable

 

Mi piacciono particolarmente le sculture in filo d’acciaio che offrono una presa insolita sulle forme solide, creando più opere tridimensionali.


MORGAN SHIMELD – Diametric 1 traced, 2011 Mild steel, nickel plated. 75 x 54 x 14

Il lavoro dello scultore di Sydney Morgan Shimeld si occupa principalmente dell’astrazione, costruzione e manipolazione della forma pura. Lavora intuitivamente in un processo creativo e meditativo cercando di trovare un naturale senso di equilibrio, forza ed eleganza nella complessa disposizione di forme minimaliste astratte. Le sculture di Himeld, costruite in bronzo o acciaio fuso o fuso, hanno una forte presenza una sottile qualità di bellezza sobria. Lavorando dalla piccola alla grande scala, le sculture di Shimeld si adattano bene a qualsiasi scala a causa delle loro caratteristiche universali. Il suo obiettivo è quello di attirare l’osservatore, creando una relazione tra lo spettatore e lo spazio intermedio. Camminare attorno al lavoro di Shimeld dà l’esperienza della presenza e della disposizione unica di ogni pezzo.

MORGAN SHIMELD – Tilt complex 44 x 47 x 44 mild steel, enamel

Il lavoro dello scultore di Sydney, Morgan Shimeld, si occupa principalmente dei concetti estetici e teorici dell’architettura e del design modernista. Il lavoro di Shimeld, caratterizzato da attenzione per la struttura e la forma, incorpora il bronzo, l’acciaio fuso e il bronzo saldato e fabbricato.

MORGAN SHIMELD – Trimetric traced blue 36 x 30 x 15 Stainless steel, powder coated

http://www.morganshimeld.com/

 

Simone Crestani- poetiche creazioni in vetro

Simone Crestani

Poetiche e scultoree creazioni in vetro… espressione di uno stile puro ed elegante, sintesi di tradizione e innovazione. Ispirato dall’infinita varietà della natura fa prendere vita ai suoi oggetti, silenziosi e cristallini, mutando la dimensione puramente materiale del vetro in un design ricercato ed elegante.


Simone Crestani

Simone Crestani è un designer e artista del vetro. Nel 2010 apre Atelier Crestani.

Simone Crestani

Introspettivo e autodidatta raccoglie nel corso del tempo gli insegnamenti ricevuti e le esperienze maturate, per trovare un codice espressivo del tutto personale.

Simone Crestani

Apprezzato per la sua tecnica, combina la qualità del design e della maestria artigianale all’unicità della produzione artistica, creando esclusive sculture e oggetti d’arte. Prende sempre ispirazione da soggetti e temi naturalistici, rielaborandoli secondo il suo linguaggio e gusto estetico e facendo sempre molta attenzione a mantenere lo stile puro ed elegante.

Simone Crestani

Studio Crestani è la sua linea di design, caratterizzata da un’ampia gamma di elementi d’uso, di alta qualità e impatto estetico.

Simone Crestani

https://www.simonecrestani.com/

Lacuna di Marina Dragomirova e Iain Howlett

Lacuna di Marina Dragomirova e Iain Howlett Galleria Nilufar di Milano

 

Lampada da sospensione/tavolo “Lacuna” di Marina Dragomirova e Iain Howlett 
Inghilterra, 2015 
Vetro soffiato color uranium, rame, alluminio 
Disponibile su richiesta con colori e dimensioni personalizzabili 
d 38 x h 54 cm 


Lacuna di Marina Dragomirova e Iain Howlett Galleria Nilufar di Milano

La speciale colorazione di questo vetro è ottenuta da un complesso processo lavorativo che può essere attuato solo due volte all’anno. Per ottenere questo colore unico vengono usati minerali misti. 

Lacuna di Marina Dragomirova e Iain Howlett Galleria Nilufar di Milano

Con “Lacuna Lamp” dello Studio Furthermore per Nilufar, il duo di creativi Marina Dragomirova & Iain Howlett porta a Murano Gallery LUab 4.0 una lampada che si racconta già nel nome, “Lacuna” intesa in quanto spazio vuoto. Ed è proprio in forma di voluminosa cavità di vetro soffiato a bocca illuminato dall’altro che questa lampada, proposta nella variante sospesa a soffitto o da tavolo, dichiara la sua presenza nello spazio. E lo fa con colori vitaminici, rotondi, scenografici.

Lacuna di Marina Dragomirova e Iain Howlett Galleria Nilufar di Milano

In occasione della mostra Light Blowing – Partner del progetto l’azienda Tubes; tenutosi a Venezia nello spazio Muranese, Murano Gallery LUab 4 a settembre/novembre 2017.

Lacuna di Marina Dragomirova e Iain Howlett Galleria Nilufar di Milano

http://www.nilufar.com/prodotti-v4847-lampada

http://www.theveniceglassweek.com/tvgw/events/light-blowing-3/

http://www.tubesradiatori.com/it/news/latest-news/murano-gallery-luab-4-0-tubes

Il cuore tra sacro e profano… Arte e Fashion Design

Solo il tuo cuore appassionato e niente più

Federico Garcia Lorca


Agnieszka Kiersztan “Al valor dell’amor”

Due artiste del gioiello contemporaneo, due interpretazioni dell’iconografia dell’amore…

per ricordare questo giorno di San Valentino!

Agnieszka Kiersztan e Francesca Mazzotta… entrambe operanti nel sud, una in Campania l’altra in Puglia, entrambe influenzate dalla cultura meridionale di stampo spagnolo.


Il cuore trafitto di Agnieszka emblema dell’amore e della purezza, rappresentazione di affetto e di vita pulsante, ma anche simbolo esoterico e spirituale di sofferenza, creazione e morte. Il cuore trafitto è divino ma anche estremamente umano, espressione di luce e salvezza e della caducità del ciclo vitale. Per la sua iconografia è stato anche oggetto di installazioni d’arte. “Al valor dell’amor” è un gioiello-premio, simbolo di gratitudine, un premio per amore qualsiasi esso sia anche fosse, per noi stessi. Io Sono, Io merito, Io mi amo”.

Agnieszka Kiersztan “Al valor dell’amor” installazione

Invece, il cuore candido di Francesca attraverso la sua purezza e non colore, esprime l’eleganza e risulta più fashion. Realizzato in fibra di cellulosa fa parte della collezione White Valentine. Specializzata sulla tecnica della cartapesta leccese che reinterpreta però, in chiave contemporanea.

Francesca Mazzotta White Valentine

“Nulla è casuale è superfluo nelle sue creazioni: la selezione visiva, la mutazione e l’adattamento mediante l’azione erosiva dell’acqua o modellante del vento esaltano una gestualità votata all’evidenza di forma, materia e volume”.

https://www.facebook.com/cammeoAK/

 http://www.francescamazzotta.com/