Baccalà in salsa aiolì

Nel 1432 una nave veneziana si inabissò in Norvegia, nei pressi delle isole Lofoten, ecco come si è scoperto il baccalà!

Oggi è stato riscoperto, crudo, secondo un’antica tradizione culinaria spagnola ed è diventato di tendenza. Il baccalà crudo, in carpaccio è una vera delizia. Questa ricetta è semplicissima: basta comprare il baccalà già ammollato, (io lo compro alla metro già pronto), affettarlo in modo molto sottile e condirlo con salsa aiolì (una sorta di maionese all’aglio, che, a Roma, vende Castroni). Se invece non andate di fretta potete prepare voi, la salsa aiolì:

ingredienti: 4 spicchi di aglio – 1 tuorlo d’uovo crudo – 25 cl di olio d’oliva – 1 limone (succo) – 1/2 cucchiaio di acqua fredda – Sale
Spellate e pestate nel mortaio quattro spicchi d’aglio, incorporatevi un tuorlo d’uovo, un pizzico di sale e 25 cl d’olio (fatto scendere a goccia all’inizio e, non appena la salsa incomincia a legarsi, più velocemente, come per la maionese).
Amalgamate bene gli ingredienti fra di loro.
Mentre la salsa monta, aggiungete, poco alla volta, il succo di un limone e 1/2 cucchiaio di acqua fredda.
Mettete la salsa pronta, in una salsiera.

Per questa salsa si può ricorrere all’aiuto del frullatore. Buon appetito!

“Cerco il pelo nell’uovo” P. Parisi

Finalmente le ho degustate!!!…Parlo delle uova di Parisi, si, di Paolo Parisi, quelle di cui parlano tutti gli amanti del cibo! Ma cosa hanno di  speciale queste uova? Vengono da galline bianche Livornesi, più difficili da allevare, meno resa, ma sopratutto alimentazione naturale e vita all’aperto proprio come un tempo. Il sapore è pazzesco: un retrogusto di mandorla, non ha odori sgradevoli, è più leggero, più saporito e dà elasticità agli impasti. Quindi pasta fresca e creme più leggere. Io a Roma le ho comprate da Roscioli in via dei Giubbonari, 21 e le ho pagate 7,00 euro a confezione da sei.

Il link del blog è: blog.paoloparisi.it del sito: www.paoloparisi.net dove potete trovare gli altri prodotti della sua azienda.

Wind

Per chi non ama l’aria condizionata ma cerca un pò di refrigerio ecco Wind prodotto da Gervasoni. Jusper Startup ne è il designer ed è realizzato in giunchino tigrato. Del resto nelle collezioni Gervasoni i materiali sia comuni che esotici, si combinano in forme elementari: giunco, midollino, bambù, rattan, fibra d’alga, pergamena, abete, alluminio, ferro, pietra serena, qualificati dalle rugosità delle superfici. L’attenzione ai valori dell’artigianato, il rispetto dell’ambiente, la ricerca continua di nuovi materiali ed abbinamenti sono tutti elementi di un sistema che sostiene le scelte aziendali; ne risulta una linea di collezioni senza tempo dal sapore classico, ma nello stesso tempo, d’avanguardia. Il link è: www.gervasoni1882.it

Culurgionis sardi in agrodolce

Perfetti per un buffet, questa ricetta prevede come ingredienti base i culurgionis. Cosa sono? E’ un piatto tipico dell’Ogliastra della Barbagia e di Seulo. E’ una sorta di raviolo con vari ripieni, quello più comune ha un cuore di patate e menta. La forma ricorda quella di una spiga e venivano preparati per le festività di tutti i Santi.

Ingredienti per 4 persone: 12 culurgionis ripieni – salsa di soia – salsa agrodolce cinese – olio – sale

Lessateli in acqua in ebollizione per il tempo indicato sulla confezione. Dopo averli scolati conditeli con 2 cucchiai di salsa di soia. Rosolateli in padella antiaderente con 1 cucchiaio di olio, finchè risulteranno dorati. Serviteli con salsa agrodolce.

La panchina di Notting Hill

Una curiosità: ricordate la panchina del film di Notting Hill? In particolare la scena dove Julia Roberts leggeva a Hugh Grant la dedica di un marito alla moglie che sedeva con lui e che amava quel giardino? Ebbene, quella panchina ha reso celebre il marchio Barlow Tyrie ed è proprio di lui che vi parlerò, oggi. La panchina era in un parco dell’Australia Occidentale esattamente nei Qeens Gardens di Perth, purtroppo nel 2008, la panchina è stata venduta a pezzi come souvenir su ebay; così almeno riportano i numerosi forum. Ma passiamo a  vedere altri due prodotti della Barlow Tyrie: un baule ghiacciaia molto simpatico per l’estate, e la panca Sissinghurst.  La panca è in teak, pezzo dal fascino intramontabile e di ampie dimensioni. La Barlow è un’azienda che nasce a Londra ed è specializzata in arredi per esterni in teak: forme senza tempo dell’outdoor!  Ringrazio per le foto concessemi.

Il link è: http://www.tboxitalia.it

Chinari: chinotto e campari

Un aperitivo molto dissetante che ho avuto l’occasione di degustare a Milano?  Chinari! A piazza della Scala dal Barman del Trussardi caffè. Avevo chiesto un aperitivo poco alcolico ma intenso. E’ semplicissimo: basta miscelare Chinotto e Campari a piacere secondo i gusti, e molto ghiaccio. Io ho messo un pò più chinotto e ho usato il chinotto Neri. Un aperitivo a cui potete unire qualsiasi tipo di appetizer.

“L'accoglienza sorride sempre, e l'addio se ne va sospirando”. (W. Shakespeare)