English Mood

L’altro giorno sono andata, per conto di un cliente, da Erica ceramiche, a Civitacastellana, e mi sono innamorata di questa cucina. Di solito mi piacciono arredi moderni ed è stata una sorpresa, per me, l’essere rimasta affascinata da questo stile “country chic”!

E’ veramente bella e studiata in ogni minimo particolare; adatta non solo alle case di campagna ma a tutti i tipi di abitazione. Sto parlando della nuova cucina English Mood di Minacciolo, elegante, raffinata, tutta in legno massello, in foto, nella versione Bianco Gesso. Si evidenzia per la sua personalità l’isola che dispone di piano in acciaio satinato, provvisto di tagliere, scolapiatti, blocco cottura, e accessori vari. La cucina è disponibile nelle finiture bianco gesso, bianco burro, grigio argilla, grigio ebano, canapa, verde latte menta, azzurro aurora, rosso corallo e noce robbia. I piani possono essere realizzati  in marmo, quarzite, porfido, graniglia, laminato, legno e Okite.

“Per chi ama cucinare davvero Minacciolo offre una cucina accogliente, raffinata e completamente attrezzata”; non poteva di certo mancare in arredoeconvivio!

Ringrazio in modo particolare Chiara Minacciolo per le foto concessemi e vi indico il sito web dell’azienda: www.minacciolo.it

“Senza fine”……….

Meritalia, anche quest’anno, al Salone del Mobile di Milano, ha stupito i visitatori, accompagnandoli in un mondo fantastico, con dei “pezzi” firmati anche da Gaetano Pesce, come, per esempio questo che vi propongo oggi.

Senza fine” fa parte di una serie sperimentale di sedute originata dall’estrusione in continuo di un cordolo di silicone che in modo aleatorio si dispone su di uno stampo fino a che la persona che lo realizza considera soddisfacente la forma raggiunta. Questo processo, come è ovvio, da origine a dei pezzi unici che, per i modi della loro esecuzione, sono irripetibili.

A ragione della resistenza del silicone agli agenti atmosferici, gli esemplari della serie “Senza Fine” possono stare sia negli spazi interni che esterni .”

Inoltre vi segnalo che a Spoleto, in occasione del Festival dei Due Mondi, che si terrà dal 18 giugno al 4 luglio, Meritalia partecipa con Via Lattea all’allestimento dello spettacolo Soiree Sotis: il prodotto luminoso di Mario Bellini sarà parte integrante della scenografia.

Vi allego, come sempre, il link del loro sito web: www.meritalia.it

Una cena Mondiale!

Ed ecco, finalmente, siamo arrivati alla cena di cui all’articolo “una cena in terrazza”!!!!….solo che il tempo in questi giorni non è stato clemente, qui a Roma, per cui, ho trasferito la cena all’interno di casa!…e vi dirò di più….l’ho dedicata all’Italia, e a questi Mondiali! Non solo bandiere sui balconi o T-shirt ma anche una tavola con un menù tutto italiano e mediterraneo come colori e sapori! E’ questa l’idea che vi propongo, una serata a tema per accogliere gli amici davanti alla tv, con piatti e tovaglioli, rossi e verdi, e tovaglia bianca; tricolore gastronomico e centro tavola italiano. Buon appetito e in bocca al lupo per la partita!

Reginette con verdure

E’ un piatto che dedico ad una mia amica che ormai non frequento più; me l’ha cucinato una sera, a sorpresa, e l’ho apprezzato molto!…..una ricetta semplice, per chi ha poco tempo, ma ottima! Non mi piacciono molto i piatti con la panna…però questo è molto buono e di panna ne serve veramente poca!

Ingredienti per 4 persone: 1 melanzana grande – 1 carota – 1 zucchina – 1 peperone – 1 cipolla grande – 2 pomodori rossi – pasta reginette – panna 1 – olio – sale e pepe.

In una larga padella antiaderente, tagliate le verdure: la zucchina e la carota a fette lunghe (tipo la tempura giapponese), i peperoni a julienne grande, le melanzane a tocchetti, la cipolla e i pomodori. Salate e cuocete con poco olio per circa 20 – 25 minuti fino a quando le verdure sono cotte ma poco appassite (devono rimanere scrocchiarelle). Cuocete la pasta, scolate e mettete nella padella con mezzo cartoccio di panna (confezione piccola). Amalgamate e macinate poco pepe.

Wavy: sinuoso

Sempre con la volontà di sperimentare capacità e performance dei materiali oltre ogni limite, Ron Arad, per Moroso, propone Wavy, una seduta il cui nome, appunto, significa ondulato, sinuoso, ondoso.

Wavy è caratterizzata da un basamento in tubo di acciaio inox con monoscocca in ABS termoformata, è sovrapponibile e per le sue qualità è adatta anche per l’esterno.

La seduta è disponibile in differenti colori: bianco, blu, verde, corallo, e trasparente e con il suo andamento così sinuoso ricorda quello delle conchiglie che si trovano sulla spiaggia, anche se a me ricordano anche, le foglie accartocciate. In fondo, il design, per Ron Arad è “imporre la propria volontà su un materiale per realizzare una funzione e fare qualcosa che prima non esisteva”!

“L'accoglienza sorride sempre, e l'addio se ne va sospirando”. (W. Shakespeare)