Allaperto by Matteo Thun e Antonio Rodriguez per Ethimo

Allaperto by Matteo Thun e Antonio Rodriguez per Ethimo

Il nome stesso Evoca immagini di vita en plein air e richiama alla mente nuove possibilità di relax in diversi contesti outdoor: con la collezione AllapertoEthimo, insieme a Matteo Thun e Antonio Rodriguez, racconta scenari emozionanti e del tutto inediti nel design dedicato agli esterni.

Allaperto by Matteo Thun e Antonio Rodriguez per Ethimo

Dall’esperienza di pieno contatto con la natura, all’agio di un’ospitalità di lusso, sino ai ritmi metropolitani o di vita ‘nomade’, la collezione Allaperto si trasforma, sperimentando combinazioni cromatiche e materiche raffinate ed esibisce look sorprendenti, capaci di interpretare i luoghi, del tutto diversi tra loro, che la accolgono.

Allaperto by Matteo Thun e Antonio Rodriguez per Ethimo

Il concept del progetto si sviluppa quindi a partire da un elemento cardine, la struttura in legno, concepita come una vera e propria matrice genetica che ‘incornicia’ diversi e straordinari panorami. Ethimo, Matteo Thun e Antonio Rodriguez hanno quindi dato vita a un nuovo modo di interpretare il design destinato all’outdoor, tra suggestioni naturali e richiami metropolitani.

Allaperto by Matteo Thun e Antonio Rodriguez per Ethimo

https://www.ethimo.com/

 

Design di sale: Erez Nevi Pana

Erez Nevi Pana

 

Il decadimento come parte del progetto …

 


Erez Nevi Pana

Il sale è come la cenere, un sinonimo dell’albedo: è la pietra bianca, il sole bianco, la luna piena, la fertile terra bianca, purificata e calcinata ecc.. Uno dei principali significati del sale è quello di anima, come sostanza bianca e in quanto “donna bianca”, il sale cristallino, il sal magnesiae nostrae (per gli alchimisti la magnesia ha di norma il significato di sostanza arcana), è una “scintilla dell’anima del mondo”. (nellanimoantico.blogspot.it)

Erez Nevi Pana

Erez Nevi Pana si è diretto nel punto più basso del pianeta, ad Embokek, la zona più meridionale del Mar Morto per elevare il sale, elemento dominante di questa terra, a design. Dopo una fase di realizzazione dei suoi pezzi in legno in un laboratorio a Tel Aviv, il designer israeliano immerge le sue realizzazioni nelle acque salatissime del Mar Morto per poi riprenderle dopo un lungo o breve periodo di vita subacquea e renderle oggetti di design.

Erez Nevi Pana

Otto pezzi per ogni oggetto, un design da collezione, in cui la natura è profondamente coinvolta nel processo di produzione. È proprio questa l’anima del suo pensiero: l’unione del mare, del sole, dell’elemento naturale con un design che si trasforma quasi in arte concettuale. I materiali non convenzionali e la sperimentazione di processi naturali e sostenibili rendono estremamente originali e sopra le righe le opere del designer israeliano che si è spinto anche a pensare al sale come vero e proprio materiale da costruzione.

Erez Nevi Pana

http://papipana.com/

 

ESTRELA dei fratelli Campana

ESTRELA dei fratelli Campana

 

“Estrela”, una collezione di mobili ispirata da una colonia di stelle marine…


Si chiama Estrela la collezione disegnata dai Fratelli Campana per A Lot Of Brasil, presentata durante il Salone del Mobile di Milano 2015.

ESTRELA dei fratelli Campana

Collezione tra artigianalità locale e alta tecnologia. Il leitmotiv ruota attorno alla forma un po’ magica e mitologica della stella marina, “estrela” appunto. Mentre il metallo tagliato al laser dimostrerà ancora una volta le sue incredibili possibilità di lavorazione e finitura, con un effetto materico molto ricercato.

ESTRELA dei fratelli Campana

Il gruppo A Lof Of Brasil, fondato nel 2004 a San Paolo per promuovere e vendere il meglio del design brasiliano e internazionale, negli anni è diventato anche produttore. Oggi è una delle aziende più interessanti del Sud America, in grado di offrire sempre nuove interpretazioni della cifra stilistica e creativa dei designer più influenti.

ESTRELA dei fratelli Campana

www.alotofbrasil.com/
www.campanas.com.br/

 

Pasta al pesto trapanese


Pasta al pesto trapanese by arredoeconvivio.com

 

Il pesto siciliano alla trapanese ha origini antichissime. Si racconta che nasce nel porto di Trapani, quando i marinai genovesi provenienti dall’Oriente, fecero conoscere agli isolani il loro pesto tradizionale fatto con basilico, aglio e pinoli (Agliata ligure). I marinai trapanesi riadattarono il pesto usando i prodotti tipici del loro territorio: pomodori, mandorle e ricotta salata. Nel corso degli anni sono state create diverse varianti del pesto rosso alla siciliana, aggiungendo o sostituendo ai pomodori freschi quelli secchi, sostituendo alla ricotta salata tipica siciliana quella fresca. Nella mia versione unisco i pomodori freschi a quelli secchi.

Preparazione per 4 persone:

ingredienti: 250 g di  pomodori datterini o piccadilly svuotati dai semi  -1 mazzetto di basilico 60 gr di pomodori secchi60 g di mandorle pelateOlio extravergine di oliva q.b.sale, peperoncino fresco a scelta1 o 2 spicchi d’aglio70 g ricotta salata se volete aggiungete un po’ di ricotta fresca

Il pesto si realizza come vuole la tradizione in un mortaio di marmo, ma possiamo anche usare un frullatore facendo attenzione a farlo funzionare a intervalli, per non far surriscaldare le lame che farebbero annerire il basilico. Tagliare il pomodoro, togliere i semi e farlo a pezzetti. Grattugiare la ricotta salata. Mettere nel frullatore l’aglio, l’olio e il basilico e incominciare a frullare. Aggiungere le mandorle, il sale, il pomodoro e la ricotta; continuare a frullare o pestare gli ingredienti aggiungendo olio quanto basta fino a creare un composto ben amalgamato ma nello stesso tempo granuloso. Lessare la pasta. Nel frattempo versare un po’ di pesto in una zuppiera e diluirlo con qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta, quella che serve per rendere sciogliere un po’ il pesto. Scolare la pasta, versarla nella ciotola, mescolare. Servire se piace grattugiando sopra della ricotta salata. Un formato di pasta consigliato per questo pesto sono le busiate, una pasta tipica della cucina trapanese.

 

OMBRA by Bestetti associati per Paola Lenti

OMBRA by Bestetti Associati per Paola Lenti

 

Come nel famoso quadro,

ma non lui a lei, lei a lui teneva il

verde parasole

Era un parasole speciale

Chi stava lì sotto era protetto da tutti i mali del mondo

La signora stava ben attenta a coprire perfettamente tutto il

signore, a non lasciarne fuori, in pericolo, nemmeno un pezzetto

Vivian Lamarque

 


OMBRA by Bestetti Associati per Paola Lenti

Parasole regolabile in altezza formato da due semicerchi indipendenti inclinabili e orientabili in modo diverso l’uno dall’altro.

OMBRA by Bestetti Associati per Paola Lenti

Struttura in alluminio verniciato, meccanismo di chiusura e regolazione in alluminio e acciaio. Ombra è disponibile in due versioni: con base e zavorra in cemento per posizionamento su superfici dure o con picchetto per il fissaggio su superfici morbide. Rivestimento in rete bianca di poliestere o in tessuto Thuia.

 

www.paolalenti.it/

 

Piergiorgio Cazzaniga e la seduta Sign per MDF Italia

Piergiorgio Cazzaniga e la seduta Sign per MDF Italia

Una delle sedute più iconiche della collezione MDF Italia– Sign di Piergiorgio Cazzaniga, celebra il suo decimo anniversario con una nuova veste d’incredibile leggerezza ed eleganza. Il designer ha reinterpretato il progetto iniziale, estremizzandone il concetto originario e sviluppando un nuovo aspetto per la seduta, in sottili fili di metallo a delineare un volume quasi etereo, che ben s’inserisce in ogni tempo e in ogni spazio. Sign Filo è l’evoluzione della seduta di Cazzaniga del 2007 che ben rappresenta lo stile contemporaneo.

Piergiorgio Cazzaniga e la seduta Sign per MDF Italia

Tecnica artigiana accanto a contemporaneità: in effetti, per questa seduta è stata selezionata una finitura di grande tendenza, una tonalità preziosa già ritornata in auge nella moda e nell’architettura. La seduta può essere corredata con uno speciale cuscino in seta ed imbottitura in poliuretano ed ovatta di poliestere.

Piergiorgio Cazzaniga e la seduta Sign per MDF Italia

www.mdfitalia.com/

“L'accoglienza sorride sempre, e l'addio se ne va sospirando”. (W. Shakespeare)