Archivi categoria: Arredo e design

MicroCosmi: “Cloud Cities” di Tomás Saraceno a Berlino

Geodi… Tele di ragno…astrofisica… e visionari del passato come Buckminster Fuller e Archigram group….solo alcune delle fonti d’ispirazione di Tomás Saraceno per le sue “biosfere”: opere organiche tridimensionali che galleggiano nello spazio…. adornate con piante…. o semplicemente sospese a reti di corde nere.

Tomás Saraceno Cloud Cities, 2011 Installationsansicht Hamburger Bahnhof Foto: Tomás Saraceno

Saraceno è capace di creare ambienti e scenari di grande suggestione….

Punto di partenza dell’artista, è l’interesse per l’ambiente e per la società, presenti e futuri, in cui le persone vivono…. reti di piattaforme abitabili che galleggiano nell’aria. La libertà della loro posizione permette di creare città aeree in costante trasformazione fisica.…..

Tomás Saraceno Cloud Cities, 2011 Installationsansicht Hamburger Bahnhof Foto: Tomás Saraceno

….un modo di ridisegnare lo spazio sociale e il comportamento umano….

 

Tomás Saraceno Cloud Cities, 2011 Installationsansicht Hamburger Bahnhof Foto: Tomás Saraceno

L’installazione dell’artista argentino, che sarà esposta fino al 15 gennaio 2012, ospitata dal Museo di Arte Contemporanea-Hamburger Bahnhof, occupa l’intera sala del padiglione storico e riunisce per la prima volta una ventina di “biosfere”. Con questo lavoro, Saraceno mette in mostra la sua visione tridimensionale di un mondo utopico, permettendo al visitatore di sperimentare come sia possibile creare una nuova dimensione cosmica partendo da un sistema composto da singoli moduli; lavoro, influenzato anche dalla formazione come architetto.

ToSa_Installationsansichten_JZiehe__2-4-6 Tomás Saraceno Cloud Cities, 2011 Installationsansicht Hamburger Bahnhof Foto: Jens Ziehe

L’installazione è promossa da Dornbracht, azienda tedesca produttrice di rubinetteria di design con sede a Iserlohn, da sempre, impegnata nel promuovere e sostenere la cultura.

ToSa_Installationsansichten_JZiehe__2-4-6 Tomás Saraceno Cloud Cities, 2011 Installationsansicht Hamburger Bahnhof Foto: Jens Ziehe

Con i Dornbracht Installation Projects® (questo è il titolo di una mostra che si svolge ogni anno) la Dornbracht intende offrire un’arena di confronto fra le posizioni dell’arte d’avanguardia nella disciplina delle installazioni. Una disciplina, quella delle installazioni, che oggigiorno è una delle preferite fra i giovani artisti. L’obiettivo a lungo termine dei Dornbracht Installation Projects è quello di farsi un nome fra le manifestazioni obbligate del mondo dell’arte e della cultura. Il proseguimento della serie di mostre dei Dornbracht Installation Projects® è affidato al Museo di Arte Moderna di Francoforte.

Visitate www.cultureprojects.com.

ToSa_Installationsansichten_JZiehe__2-4-6 Tomás Saraceno Cloud Cities, 2011 Installationsansicht Hamburger Bahnhof Foto: Jens Ziehe

 

VIDEO

 

In occasione di Cersaie 2011 Dornbracht presenta le serie Deque e Gentle e ATT. Per quanto riguarda le rubinetterie per la cucina l’azienda presenta Eno ed alcune integrazioni del Water Dispenser. Lo stand Dornbracht si trova al padiglione 35, B79

La forma minimalista della rubinetteria come origine per una dolce presentazione dell’acqua. Seguendo con l’architettura il naturale flusso dell’acqua, si inizia un viaggio attraverso le varie applicazioni della serie.

http://www.dornbracht.com/it/

Visitate il suo sito e calatevi nei suoi fantastici mondi utopici……

www.tomassaraceno.com/

 

Credits: ALOYS F. DORNBRACHT GMBH & CO. KG ARMATURENFABRIK KÖBBINGSER MÜHLE 6 D-58640 ISERLOHN

WWW.DORNBRACHT.COM

Abdruck frei – Beleg erbeten / Use of images for publicity purposes – copy of article requested.

Dornbracht Italia S.R.L. via Morimondo 2/5, I-20143 Milano

Press Office Italia: – SILVIA RIZZI > comunicazione – Villa Casnati – Via San Carlo 5, I-20060 Bussero (MI),

www.silviarizzicomunicazione.com

Credits immagini “Cloud Cities” :

Cloud Cities 01-02-03

Tomás Saraceno Cloud Cities, 2011 Installationsansicht Hamburger Bahnhof

Foto: Tomás Saraceno

 

ToSa_Installationsansichten_JZiehe__2-4-6

Tomás Saraceno Cloud Cities, 2011 Installationsansicht Hamburger Bahnhof

Foto: Jens Ziehe

Interessante l’articolo: http://www.flashartonline.it/interno.php?pagina=onweb_det&id_art=326&det=ok&titolo=TOMAS-SARACENO

ELEMENTI…… da indossare…

…è una collezione di gioielli di Ivana Riggi che nasce da una microprogettazione….

Life di Ivana Riggi

Inizialmente mi ha colpito molto la serie Life: tessere di puzzle di carta e argento, composta da collana e spilla

….in analogia con il suo libro Anisette e gli altri, dove, In un complicatissimo ma lineare gioco fatto di scatole cinesi, simili alle tessere di un puzzle, che come mini-racconti ci trasportano….. in un’analisi spietata, se pur ricca di poesia, dell’animo umano e della società.….così le sue creazioni, trasponendo in esse questo linguaggio narrativo, attraverso forme pure, (sfere cilindri parallelepipedi) esprimono significati complessi….come il puzzle della vita….

Presentati alla Fiera VicenzaOro, conclusa il 14 settembre, Geometrie, Movimenti e Sequenze……

By New Direction Hall Ivana Riggi zoom

Bellissima la trilogia di anelli della serie Geometrie: Schiuso, Addizione, Taglio, realizzata nei tre differenti colori dell’oro, progettata per sottrazione, espansione e addizione. Nascono così: una sfera tagliata a metà da cui per sottrazione viene ricavato l’anello da indossare …. una serie di cilindri che espandendosi  e tintinnando costituiscono una sorta di ombrello sonoro ….nove cerchi concentrici sovrapposti, piccola addizione di elementi….

…e la serie Movimenti con:  Spinta, Ruota, Arresto…… Spinta un parallelepipedo si spinge su un altro. Ruota un parallelepipedo ruota su un altro. Arresto un parallelepipedo si arresta su un altro.

Movimenti Ivana Riggi

Infine la serie Incontri: collana in rame, costituita da una serie modulare variabile di spirali chiuse….. e Sequenze…….semisfere di diversi diametri montate diversamente…

Incontri Ivana Riggi

Nella collezione Puppets:  la signora gentile, il polipo dispettoso, il saracino, il cavaliere buono…. Il corpo diventa teatro….. collezione di ciondoli snodabili in acciaio inox…..

Puppets: la signora gentile, il polipo dispettoso, il saracino, il cavaliere buono Ivana Riggi

sembrano frasi estratte da canzoni di Vinicio Capossela….veri e propri personaggi da indossare…..e forse simbolici….rappresentativi di una realtà surreale….

Come scrive Oscar Wilde: “Ci sono molti vantaggi in marionette. Non hanno mai discutere. Non hanno vista greggio di arte. Non hanno vita privata”.

Ivana Riggi, classe 1972, vive a Caltanissetta, è architetto, designer orafa e scenografa. I suoi monili sono stati esposti in Italia e all’estero; nel 2009 è stata tra i sessanta progettisti del panorama internazionale selezionati per la mostra i Gioielli di carta alla Triennale Design Museum di Milano, a cura di Alba Cappellieri e Bianca Cappello, evento a cui Electa ha dedicato una pubblicazione. Espone in alcune mostre personali italiane ed estere; ricordiamo “VicenzaOro” e “Contemporary Jewels in Stark” a Berlino.

Nel 2010 è tra i trentadue all’esposizione “Titani preziosi”. Entrambi gli eventi si sono tenuti al Triennale Design Museum di Milano ed Electa-Mondadori gli ha dedicato due pubblicazioni.

Nel 2010 cura la scenografia del lungometraggio cinematografico “Un uomo nuovo”. Nello stesso anno pubblica il libro di racconti “Anisette e gli altri”, A&B editrice.

Ha iniziato a scrivere per la rivista telematica Oltrepensiero; oggi è il corrispondente design in Italia per il 4amagazine e collabora con il portale telematico Archimagazine, dedicato alla cultura del progetto, curato da ricercatori e docenti universitari.

Sequenze Ivana Riggi

http://www.ivanariggi.com/

Luce e colore……..Veturia Manni

Creazioni singolari, legate al mondo reale, ricche di un significato profondo ed intimo, alla ricerca di attimi fuggenti che cercano la sorpresa, l’emozione in uno scatto fotografico……..


IL COLORE Veturia Mannni

Veturia Manni nasce a Sezze Romano (LT) vive e lavora a Latina.
Il suo percorso è complesso: si Laurea in DAMS. Appassionata di Cinema, frequenta a Roma un corso di montaggio cinematografico e digitale, si iscrive alla Facoltà di Architettura a Roma.

Nel 2003, crea una linea di gioielli di gusto avanguardista, siglando il marchio gioiellixcaso, una collana realizzata con resine, unite a frammenti di vetro, conchiglie, polveri ed altri materiali di recupero impreziositi.

Dopo questa parentesi torna alla creazione di opere d’arte di sapore decisamente pop. Parte dalla fotografia, fermando diversi attimi di vita come elementi architettonici, spazi dismessi, luoghi e persone, in una sintesi di poesia e narrazione….

Interviene, con colori acrilici, resine sintetiche, matite, gesso, tubi di neon luminosi, frasi……

I suoi scatti sono filtrati dalla sua immaginazione, attimi di passaggio fermati prima di un montaggio, che cercano il “movimento”…. Per l’artista rimane comunque fondamentale il riconoscimento nell’opera, dell’origine fotografica che ne costituisce l’elemento centrale. Qualsiasi oggetto, luogo o persona è godibile in quanto immagine multi evocativa.  Adopera con incessante vitalità nuove tecniche e nuovi materiali…..

Il riferimento alla pop-art è d’obbligo, in particolare alla pop-art della seconda fase che, sposta l’attenzione all’ambiente circostante, con interessanti affinità alla pop-art inglese, meno aperta al progresso di quella americana, più nostalgica e “poetica”.

Rosso Veturia Mannni

L’utilizzo del neon ricorre in Rosso dove è proprio la luce a disegnare la grande forma del cuore, che a mio avviso, rappresenta un messaggio d’amore e speranza al di sopra di un nastro/matrice rappresentante il Caos che domina i rapporti umani….oggi quanto mai attuale…

….e in Colore dove, Veturia, sposta l’attenzione su un secchio con pennello intriso di colore, pronto all’uso…per dare una sferzata di energia all’osservatore……….anche qui l’elemento luce del neon è determinante.

Nei due inediti dedicati al mare….abbandona la luce artificiale alla ricerca di un’esplosione di colori che ne possa sostituire la valenza energizzante…..come nel mare all’improvviso dove il frangersi del mare blu sulla scogliera è paragonabile alla forza della natura…..

Il mare all’improvviso Veturia Manni

Potrete vedere le sue opere il 21 ottobre 2011 e conoscerla all’hotel Ripa a Roma in Via degli Orti di Trastevere, 3

http://www.veturia-manni.ioarte.org/

Salvagente Veturia Manni

 

Credits: tratto da: http://www.ioarte.org/; Dott.ssa Barbara Vincenzi;  Emanuela Gasbarroni,    Dott.Salvatore Russo;  http://www.ripahotel.com/it/

https://www.facebook.com/veturiamanniartista/

 

 

Bubbles Lamp

“Voi lo sapete, amici, ed io lo so.
Anche i versi somigliano alle bolle
di sapone; una sale e un’altra no.”

(Da Commiato)

Umberto Saba

 

Bubbles lamp Jaime Hayon Bosa trade

Interamente assemblata a mano, a partire da un primo calco di ceramica, Bubbles lamp è costituita da una base composta da piccole sfere di ceramica, di dimensione variabile.

Bubbles lamp Jaime Hayon Bosa trade

L’artigianalità della realizzazione fa sì che ogni esemplare sia un pezzo a sé contraddistinto da una singola sfera metallica da sfiorare per accendere e regolare la luce. Il cappello, può essere: bianco, color oro o argento coordinati al regolatore d’intensità.

 

Bubbles lamp Jaime Hayon Bosa trade

Del designer Jaime Hayon eclettico e decisamente prolifico… artista e stella nascente nel panorama creativo internazionale……

http://www.hayonstudio.com/

Disegnata nel 2005

Dimensioni: Altezza: 62,0 Cm, Larghezza: 33,0 Cm

Bubbles lamp Jaime Hayon Bosa trade

Lampada in ceramica dipinta a mano con metalli preziosi. Disponibile in bianco e nero con metallo prezioso. In vendita anche su http://www.yoox.com/

 

http://www.bosatrade.com/

 

Les Dandys

Rodolphe Les Dandys Design Rachel & Benoìt Convers 2011 per Ibride

« … e il linguaggio umano è simile ad un tamburo rotto su cui battiamo melodie per farci ballare gli orsi, mentre ciò che desideriamo è fare musica che commuova le stelle. »

(Gustave Flaubert)

 

Rodolphe Les Dandys Design Rachel & Benoìt Convers 2011 per Ibride

ancora una volta, ci sorprende Ibride, offrendo elementi che non sono esattamente quello che sembrano …

un mondo evocativo…dell’assurdo….ovvero di un mondo parallelo dove il protagonista è l’essere animale e non più l’uomo o meglio come dice il nome un Ibrido…..

Chatterton Rachel & Benoit Convers 2011 Ibride

In un primo momento un dipinto… poi alcuni scaffali…discreto….. nicchie nascoste…. questa collezione sotto il tema Segreti…si ispira ai romanzi famosi della letteratura francese del XIX secolo, gioca con i nostri sensi e ci stupisce ancora una volta con il suo universo grafico….

Rastignac Les Dandys Design Rachel & Benoìt Convers 2011 per Ibride

Fanno letteralmente innamorare Les Dandys Design Rachel & Benoìt Convers 2011, collezione di scaffali da parete…

Bel-Ami Les Dandys Design Rachel & Benoìt Convers 2011 per Ibride

Ibride è uno studio di design francese che produce mobili ed elementi di design non convenzionali per la casa. La loro collezione di vassoi, scaffali, mobili e complementi di arredo, sono uno zoo di animali in contesti mistici e regali…. affascinanti e belli … grafica eccellente…

Edmond Dantés Les Dandys Design Rachel & Benoìt Convers 2011 per Ibride

http://www.ibride.fr/

FALSE CREDENZE

False Credenze studio Habits LETTERAG

Moduli che riproducono in modo grafico e bidimensionale le sembianze di mobili di un epoca passata:  FALSE CREDENZE dello studio Habits “Antiquariato di un certo spessore”……..

Pratiche e decorative allo stesso tempo, False Credenze contengono oggetti, offrendo spazio aggiuntivo dove ce ne è bisogno. Con particolare ricercatezza dei materiali, dei colori e degli inserti in tessuto, reinventano il mobile classico per eccellenza in un arredo spiritoso e inusuale, adatto a tutti gli ambienti della casa.

False Credenze studio Habits LETTERAG foto da Habits

Lo studio Habits è un’impresa. Pensando a quali siano le azioni che noi progettisti oggi compiamo, ritroviamo che la parola impresa sia quella più appropriata a comprenderle e descriverle nel loro complesso…..  il loro ruolo è creare visioni, attraverso progetti e prototipi, dove fantasia e ragione dimostrino un risultato che abbia impatto sulla cultura materiale, un valore realizzabile in concreto.

http://www.habits.it/

Fa parte delle collezioni LetteraG azienda che intende proporre oggetti insoliti ed eleganti che si contaddistinguano per la loro ricchezza espressiva, per la cura, la passione per i dettagli, per il rigore e la manifattura di qualità artigianale.

Con i Complementi d’arredo, LetteraG propone una ricercata linea di accessori per l’arredamento dove l’aspetto funzionale non svilisca ma, al contrario, esalti la funzione estetica degli oggetti stessi.

La convizione che la ricerca del bello sia un “dovere” del design contemporaneo fa da fil rouge all’intera collezione: appendiabiti, portaombelli, librerie, portariviste, parascintile, credenze, comodini, tavolini.…

False Credenze studio Habits LETTERAG foto by Habits

http://www.gspotdesign.it/