Objet Nomades – Louis Vuitton

Objet Nomades – Louis Vuitton

La famiglia degli Objet Nomades di Louis Vuitton si allarga e accoglie dieci nuovi oggetti svelati in occasione del Fuorisalone a Milano.

Objet Nomades – Louis Vuitton fratelli Campana

Una collezione in progress ispirata al tema del viaggio, ideata nel 2011, che testimonia lo spirito d’avventura della maison francese. Quest’anno a dare il loro contributo al progetto sono India Mahdavi e Tokujin Yoshioka.

Objet Nomades – Louis Vuitton India Mahdavi

I due designer si aggiungono al corposo elenco di collaboratori: Atelier Oï, Maarten Baas, Barber and Osgerby, Fratelli Campana, Damien Langlois-Meurinne, Nendo, Gwenaël Nicolas, Raw Edges, Patricia Urquiola, Marcel Wanders, India Mahdavi e Tokujin Yoshioka.

Objet Nomades – Louis Vuitton

Ogni progettista è stato chiamato a interpretare l’idea di viaggio secondo il suo punto di vista, rappresentando una serie di valori condivisi: l’amore per la bellezza di materiali raffinati, l’equilibrio nelle forme e nelle proporzioni, la complessa e meticolosa artigianalità, e infine l’accurata attenzione per i dettagli.

Objet Nomades – Louis Vuitton Atelier Oï

La collezione, che oggi conta 25 Objets Nomades, dà il benvenuto, tra gli altri, al divano dei fratelli Campana, ispirato alle nuvole e alla conchiglia dipinta da Botticelli; la seduta di Atelier Oï, contrassegnata da cinghie in pelle che ricordano quelle tradizionalmente usate per le tracolle delle borse Louis Vuitton; la moderna e preziosa sedia a dondolo di Marcel Wanders; il tavolo di India Mahdavi ispirato ai talismani della cultura nomade, con il suo eccezionale intarsio.

Objet Nomades – Louis Vuitton Tokujin Yoshioka

www.louisvuitton.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *