ALEX CATTOI: Materia e Memoria

ALEX CATTOI
ALEX CATTOI

 

il suo sentire le cose, il suo guardare attorno a sé senza limiti di tempo e di spazio alla ricerca di risposte sull’universo, la natura umana, l’arte, il mistero della vita. (Antoni Tàpies)

 

ALEX CATTOI
ALEX CATTOI

Il fascino nato dall’apprezzamento dell’arte primitiva nel suo aspetto esteriore: la patina, le cromie crostose, l’aggiunta di materiali eterogenei in maschere e feticci, ha dato luogo, come sappiamo, in artisti di estrazione eterogenea e in epoche diverse, come Burri, Baj, César, Tàpies, e altri, ad uno spostamento di interesse verso la materia quale ragione principale, e in alcuni casi, unica dell’opera, dando vita alla cosiddetta, Arte materica.

ALEX CATTOI
ALEX CATTOI

In quest’ottica, a mio avviso, si può approcciare l’opera di un giovane artista trentino, Alex Cattoi. La sua ricerca trova ispirazione nelle forme della natura, della terra, nell’immaginario legato a civiltà antiche e a mondi scomparsi. Colori sbiaditi e graffiati, patine e cromie crostose, attribuiscono valore alle imperfezioni accettandone la presenza di una variabile incontrollata quale l’inesorabile 
trascorrere del tempo.

ALEX CATTOI
ALEX CATTOI

La materia con Cattoi assume dunque un ruolo da protagonista. Partendo dall’aspetto esteriore simile al bronzo che naturalmente con le sue fasi di ossidazione vira verso tonalità verdastre. Cattoi si orienta infine 
verso l’uso del bitume di Giudea, composto chimico che nell’Ottocento fu utilizzato come supporto per lo sviluppo della prima 
fotografia eliografica.

ALEX CATTOI
ALEX CATTOI

Dice Cattoi di se: “Le figure arcane che rappresento evocano il mondo 
enigmatico dell’archeologia, ove forme ricorrenti cercano
 risposte al mistero della vita. Rifacendomi non solo a civiltà terrestri, ma immaginando 
creature e forme di altri pianeti, sconosciuti alla mente
 dell’uomo, desidero porre ancora una volta la fatidica
 domanda che tanto angosciò gli artisti del passato: “Da
 dove veniamo?”.

ALEX CATTOI
ALEX CATTOI

La forza evocativa delle sue opere infatti sgorga dalla loro fisicità, dalla solitudine, dalla loro tensione emotiva. Concludo con le parole di Antoni Tàpies che affermava: quando crediamo di potere, di punto in bianco, lavorare su di una determinata idea, ci accorgiamo che anche l’opera comanda, perché ha le sue leggi – interne ed esterne – di sviluppo. Si ribella e ci impone le sue condizioni come i personaggi di Pirandello. Come ovunque vi sia vita, si svolge un dialogo tra l’autore e la materia della sua opera. All’inizio lo scopo non è sempre chiaro: il cammino si forma sotto i passi.

ALEX CATTOI
ALEX CATTOI

(Photo concesse dall’artista)

www.alexcattoi.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *